Castellana
stampa

Moreno Morello in cattedra all'Ipsia "Galilei": e-commerce fra truffe e Tapiri

Un incontro che darà ai ragazzi strumenti utili per diffondere le loro creazioni. In Italia, infatti, solo il 3% delle vendite avviene online, un dato che inchioda il nostro paese al terzultimo posto nelle graduatorie europee.

Parole chiave: moreno morello (2), truffe online (1), ipsia galilei (3), castelfranco (196), e-commerce (4), striscia la notizia (3), mercato (13), regione veneto (117)
Moreno Morello in cattedra all'Ipsia "Galilei": e-commerce fra truffe e Tapiri

La mattina di sabato 16 aprile, la palestra dell’Ipsia “Galilei” era gremita di studenti, presenti per assistere alla conferenza “E-commerce opportunità e rischi”, sui pro e i contro del commercio digitale. L’iniziativa è stata promossa dalla Regione Veneto in collaborazione con la Federconsumatori, l’Università di Padova rappresentata dal dott. Luca De Pietro e la Guardia di Finanza nella persona del capitano Guido Pollini. Ospite d’eccezione, noto al grande pubblico come inviato di Striscia la notizia, Moreno Morello, cui i ragazzi hanno donato un drone di loro creazione per inseguire i truffatori in fuga, alla consegna del famigerato Tapiro.

La conferenza è dunque trascorsa alternando momenti di leggerezza ad incisivi interventi degli specialisti, che hanno dimostrato come le nuove tecnologie siano risorse preziose anche per avviare un’attività in proprio. Afferma a questo proposito il vicepreside dell’istituto prof. Nazzareno Bolzon: “Siamo stati scelti dalla provincia per ospitare la conferenza anche in virtù del nostro maker lab. Questo incontro potrà dare ai ragazzi usciti da questa scuola strumenti utili per diffondere le loro creazioni. D’altra parte, ci è stato proposto questo tema perché siamo fra gli ultimi in Europa per il commercio elettronico”.

Infatti, dalla relazione del dott. De Pietro è emerso un quadro preoccupante: se il mercato digitale in Europa pesa per il 23%, in Italia solo il 3% delle vendite avviene online, un dato che inchioda il nostro paese al terzultimo posto nelle graduatorie europee.

A trattenerci dal commercio digitale sarebbero le incertezze sulla sicurezza dei pagamenti, della trasmissione di dati personali, il timore di mancate consegne e truffe, che è possibile evitare documentandosi su tutti i dettagli della transazione. I vantaggi, invece, consistono nella possibilità di confrontare più prodotti e di acquistarli a un prezzo conveniente. Non solo i singoli, ma anche le piccole e medie imprese tendono a utilizzare scarsamente il mezzo dell’e-commerce: da un lato perché mancano le competenze digitali, dall’altro per il timore di proporre un prodotto poco concorrenziale, rinunciando così alla possibilità di internazionalizzare il loro mercato.

Moreno Morello in cattedra all'Ipsia "Galilei": e-commerce fra truffe e Tapiri
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento