Chiesa

Nell’ora buia della passione, Gesù avverte una vicinanza. C’è qualcuno che vuole stringere con lui una relazione di fiducia. Il crocifisso accanto a lui chiede di essere ospitato nel suo cuore quando sarà nel suo regno. Gesù lo rassicura: “Oggi con me sarai nel paradiso”. Essere “con Gesù”, è la salvezza del ladrone, e di ognuno di noi

Incontro congiunto del Consiglio pastorale diocesano e del Consiglio presbiterale alla presenza del vescovo Michele

"In considerazione della situazione di emergenza della popolazione ucraina martoriata dalla guerra, il vescovo Michele ha disposto di sostenere questa finalità. Quanto raccolto verrà destinato a Caritas italiana che lo inoltrerà alla Caritas presente in Ucraina"

Le prescrizioni del Vescovo in seguito al Decreto post emergenza. Sempre obbligatoria la mascherina nei luoghi di culto al chiuso, igienizzazione all’ingresso e Comunione sulla mano, ma la distanza potrà essere ridotta. Potranno riprendere le processioni e il rito della lavanda dei piedi. Confessioni in sicurezza. L’invito è a partecipare in presenza durante la Settimana santa

Il Papa ha concluso l'udienza di oggi, dedicata alla vecchiaia sull'esempio di Simeone e Anna, con un saluto affettuoso ai bambini ucraini e un riferimento alla "mostruosità della guerra". "Si fermi questa crudeltà selvaggia", l'appello. Poi l'annuncio ai fedeli del suo viaggio a Malta sabato e domenica prossimi.

Un numero notevole, dietro al quale ci sono tantissime persone, perché se gli ascolti “individuali” sono una sessantina del totale, gli altri sono frutto di molti incontri di gruppo, e spesso si tratta di sintesi di decine di altri ascolti, come quelli degli studenti

Due anni dopo la “Statio Orbis” del 27 marzo 2020, in cui si è rivolto alla Madre di Dio per implorare la fine della pandemia, Papa Francesco affida ancora una volta a Maria le sorti del mondo, sconvolto da un mese a questa parte da un “massacro insensato”, come lo ha definito nell’Angelus di domenica scorsa, in uno dei suoi ennesimi appelli per far cessare le ostilità tra Russia e Ucraina.

Con l'Atto compie oggi - spiega al Sir padre Federico Lombardi - Papa Francesco "vuole dire con particolare insistenza l’importanza e la necessità della preghiera comune e partecipata di tutta la comunità ecclesiale, con intensità e solennità e in modo pubblico. Il Papa non ci chiede di pregare in privato, ma ci invita a porci come Chiesa di fronte al mondo, manifestando la nostra fede e domandando con umiltà l’intercessione di Maria per porre fine al conflitto in atto e a tutti i conflitti dell’umanità".

“È ormai evidente che la buona politica non può venire dalla cultura del potere inteso come dominio e sopraffazione, ma solo da una cultura della cura, cura della persona e della sua dignità e cura della nostra casa comune. Lo prova, purtroppo negativamente, la guerra vergognosa a cui stiamo assistendo”. Lo ha detto il Papa, ricevendo in udienza le partecipanti ad un incontro del Cif (Centro italiano femminile).

“Un gesto della Chiesa universale, che in questo momento drammatico porta a Dio, attraverso la Madre sua e nostra, il grido di dolore di quanti soffrono e implorano la fine della violenza, e affida l’avvenire dell’umanità alla Regina della pace”. Così il Papa in una lettera inviata ai vescovi di tutto il mondo.

“Lui me l’ha trasmesso – ha proseguito il Papa – perché mi ha raccontato le sofferenze della guerra. E questo non si impara dai libri, si impara così, dai nonni ai nipoti". Papa Francesco ha concluso l'udienza di oggi in Aula Paolo VI chiedendo ai presenti di pregare la Madonna per le vittime della guerra, con la quale "tutto si perde".

Papa Francesco ha promulgato la nuova costituzione apostolica sulla Curia Romana, che sostituisce la "Pastor bonus" di Giovanni Paolo II ed entra in vigore il 5 giugno. Tra le novità più rilevanti, l'istituzione del Dicastero per l'evangelizzazione, presieduto dal Papa, e del Dicastero per il Servizio della Carità. La Segreteria di Stato diventa "Segreteria papale". Anche i laici e le laiche potranno presiedere un Dicastero.

Con la guida biblica di don Michele Marcato, biblista e direttore dell’Issr Giovanni Paolo I. Un itinerario che sarà accompagnato dal Vangelo secondo Luca, in una serie di tappe che ripercorrono la vita di Gesù

Inaugurato l’anno accademico della Facoltà teologica del Triveneto con la prolusione del card. Miguel Ángel Ayuso Guixot, presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso: “I confini esistono, ma non possono diventare muri né disegnare il futuro”. Sviluppare la globalizzazione della solidarietà

I profughi che stanno arrivando portano anche le ferite delle contrapposizioni tra le Chiese cristiane presenti in Ucraina. Una paziente comprensione della realtà ecclesiale deve abbinarsi alla necessaria e urgente azione caritativa. Perché se dietro al cannone ci può stare un’idea, dietro alla carità ci sta sempre il Vangelo

Crisi ucraina, aiuti umanitari e l’importanza del processo negoziale in corso. Questi i temi al centro del colloquio che oggi hanno avuto il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kirill e Papa Francesco. A darne notizia il Dipartimento comunicazione del Patriarcato di Mosca precisando che “ha avuto luogo una discussione dettagliata della situazione sul suolo ucraino. Particolare attenzione è stata rivolta agli aspetti umanitari dell’attuale crisi”.

"La nostra fantasia appare sempre più concentrata sulla rappresentazione di una catastrofe finale che ci estinguerà. Quello che succede con una eventuale guerra atomica”. Così il Papa, nell'udienza di oggi, in cui ha pregato per la pace in Ucraina prendendo in prestito le parole di mons. Mimmo Battaglia, arcivescovo di Napoli. Incontrando gli studenti dell'Istituto "La zolla" di Milano, Francesco ha pregato per i bambini e i ragazzi che in Ucraina vivono sotto le bombe, "vittime della superbia di noi adulti".