Chiesa

Al termine della Veglia per la vita, venerdì 4 febbraio, il Vescovo ha consegnato tre copie dell’icona dell’Incontro mondiale delle famiglie ad altrettanti nuclei famigliari, che hanno dato inizio al percorso che raggiungerà tutte le Collaborazioni pastorali della diocesi

“Alle vittime degli abusi sessuali va la mia profonda compassione e mi rammarico per ogni singolo caso”. Conclude il Papa emerito: “Ben presto mi troverò di fronte al giudice ultimo della mia vita. Anche se nel guardare indietro alla mia lunga vita posso avere tanto motivo di spavento e paura, sono comunque con l’animo lieto perché confido fermamente che il Signore non è solo il giudice giusto, ma al contempo l’amico e il fratello".

I sacerdoti hanno vissuto un’esperienza di ascolto sinodale, a partire dalla loro esperienza di membri dell’organismo di corresponsabilità che coadiuva il Vescovo

Molti partecipanti all’iniziativa promossa dall’Ac sul Sinodo e sull’eutanasia.  Il loro impegno: “Vogliamo esserci e lasciare il segno nelle questioni del nostro tempo, nella società e nella Chiesa”

Gesù “non è venuto a consegnare un elenco di norme o ad officiare qualche cerimonia religiosa, ma è sceso sulle strade del mondo a incontrare l’umanità ferita, ad accarezzare i volti scavati dalla sofferenza, a risanare i cuori affranti, a liberarci dalle catene che ci imprigionano l’anima”. A ribadirlo è stato il Papa, nell’omelia della messa per la Domenica della Parola di Dio, celebrata ieri nella basilica di San Pietro.

Quattro incontri sulla dimensione sociale della catechesi. Tutti online, il primo ha come titolo "La terra di Giuseppe Toniolo e di Giuseppe Corazzin"

Lo scorso 14 gennaio è tornato alla Casa del Padre. In 62 anni, come sacerdote, parroco, cappellano della casa circondariale di Santa Bona, è sempre stato accanto ai poveri e alle persone che si trovavano ai margini della società

Farà il suo ingresso a Chioggia domenica 30 gennaio. "Salgo sulla barca della nostra Chiesa con voi, per prendere il largo e gettare con voi le reti, in obbedienza alla parola del Signore"

Alle nozze di Cana Maria non rivolge una vera richiesta a Gesù. Gli dice soltanto: "Non hanno più vino". Semplicemente affida la cosa al figlio e lascia a Lui la decisione su come reagire. Ecco, da una parte, la sollecitudine affettuosa di Maria per gli uomini, dall'altra la sua scelta di rimettere tutto al giudizio del Signore

La prossima settimana sarà disponibile nelle parrocchie la nuova lettera pastorale del Vescovo, che invita a vivere insieme questo tempo che si apre con il Sinodo a cui tutta la Chiesa è chiamata. La fase di ascolto che inizia anche nella nostra diocesi sarà l’occasione per “donarci uno sguardo fiducioso e imparare a vedere segni di speranza”

Per le celebrazioni liturgiche “non è richiesto il green pass, ma si continua a osservare quanto previsto dal Protocollo Cei-Governo del 7 maggio 2020, integrato con le successive indicazioni del Comitato tecnico-scientifico: mascherine, distanziamento tra i banchi, niente scambio della pace con la stretta di mano, acquasantiere vuote”. Lo scrive la Segreteria generale della Cei in una lettera ai vescovi italiani che richiama le norme introdotte dagli ultimi decreti legge legati all’emergenza Covid.

Attraverso un esercizio di stile “sinodale”, alla ricerca di segni concreti di speranza per la vita della Chiesa e dei territori del Nordest, si è svolta la “due giorni” di dialogo e approfondimento della Cet. Una prima tappa dell’incontro ha visto l’intervento di alcuni giovani. In un secondo momento - guidati da Chiara Giaccardi e Mauro Magatti, professori in sociologia - i Vescovi hanno provato a sondare fermenti e dinamiche di speranza ed alcune “vie” per il futuro.

L'Ufficio per l'annuncio e la catechesi, lunedì 10 gennaio, dalle 20.30 alle 21.30, sul canale YouTube della diocesi, presenta l'iniziativa che partirà poi domenica 23 gennaio, giornata della Parola

Luogotenente comandante del Nucleo mobile della Guardia di Finanza di Conegliano, Salemma è originario della parrocchia di Frescada e presta servizio pastorale nelle parrocchie di San Paolo e di San Liberale in Treviso