Chiesa

Avvicendamenti e nuovi incarichi per i sacerdoti diocesani.Le scelte del Vescovo riguardano alcuni parroci, vicari parrocchiali e istituzioni diocesane. Don Montagner missionario fidei donum in Ciad,

Mons. Michele Tomasi, la cui nomina a vescovo di Treviso è stata resa nota lo scorso 6 luglio, sarà consacrato vescovo sabato 14 settembre alle ore 15 nel duomo di Bressanone. Farà il suo ingresso nella diocesi di Treviso domenica 6 ottobre, nel pomeriggio. 

Nei giorni scorsi il vescovo di Treviso, Gianfranco Agostino Gardin, ha provveduto alle nomine di alcuni parroci e altre figure pastorali. Eccole di seguito.

"Assieme alla comunità vorrei iniziare un cammino in cui nessuno si senta escluso, oppure non all’altezza o ancora non necessario. Il bene, anche il bene comune, non ha colore e ciascuno può essere protagonista", dice mons. Tomasi, che fa notare l'unione tra le Chiese di Treviso e Bolzano dovuta alla comune venerazione per il beato Enrico, o Arrigo.

Questa mattina alle ore 12 in Vescovado a Treviso è stato dato l’annuncio della nomina, da parte del Santo Padre, del nuovo Vescovo di Treviso. Ecco la comunicazione, che è stata letta dal vescovo Gardin. La stessa comunicazione è stata data nella diocesi di Bolzano – Bressanone e in Vaticano.

Luciano Bottan, missionario laico inviato dalla diocesi di Treviso, non arrivò mai a destinazione, a Fianga, in Ciad. Perse la vita durante il viaggio in auto, il 20 ottobre del 2000. Ora, i suoi fratelli, Lucia ed Emanuele, e la nipote Martina si sono recati prima nel luogo dell’incidente, dove una foto ricorda Luciano, e poi a Fianga e Serè, dove ad attenderli hanno trovato quelle persone che Luciano andava a incontrare e ad aiutare. Assieme a loro don Saverio Fassina, rimasto ferito nell’incidente. A Luciano è stato intitolato il coro della chiesa di Fianga

Sono aperte le iscrizioni al prossimo anno accademico dell’Istituto superiore di Scienze religiose “Giovanni Paolo I - Veneto orientale”. Un’occasione formativa di alto livello, soprattutto per i laici: per chi desidera insegnare religione e per chi vuole approfondire i contenuti della fede

Pubblicato il testo delle Linee Guida approvate dall'Assemblea generale dei vescovi italiani nel maggio scorso e che si applicano a tutti coloro che operano, a qualsiasi titolo, individuale o associato, all’interno delle comunità ecclesiali in Italia e a tutti gli Istituti di vita consacrata e Società di vita apostolica. Forte l'impegno della Chiesa italiana.

Questo giorno ci offre l'opportunità di afferrare la mano tesa da Francesco e stringerla alla nostra, dando più forza a ogni suo gesto di solidarietà. Anche alle diocesi è affidato il compito di abbracciare l'umanità e le infinite esigenze materiali di che ne abita le periferie.

Alla Scuola diocesana di formazione teologica si può trovare un insegnamento che mette in dialogo la fede e la vita, cercando di “leggere” il nostro tempo alla luce del Vangelo. Crescono gli iscritti e le collaborazioni con gli uffici pastorali. Aperte le iscrizioni per il prossimo anno
 

E' uscito con l'editrice San Liberale (collana Testimoni) un volume che presenta alcuni suoi scritti, dal titolo “Adesso, tu sei felice?”. Si tratta di un testo che presenta alcune pagine scelte e alcune testimonianze. Non è stato solo un lavoro di raccolta di testi, ma un primo tentativo di “interpretare” la figura di don Pierluigi e ciò che egli lascia in eredità alla nostra Chiesa diocesana. A San Zenone la prossima presentazione

Camerino, grazie al Papa, è diventata la "città simbolo" della resilienza e della voglia di riscatto delle popolazioni terremotate del Centro Italia. Francesco, con un "fuori programma" a sorpresa, visita la "zona rossa" e da piazza Cavour lancia un appello per la ricostruzione, mettendo in guardia dal rischio che le promesse cadano nel "dimenticatoio".

Con la pubblicazione dell'Instrumentum laboris prende il via la preparazione del Sinodo amazzonico fortemente voluto da Papa Francesco. Un Sinodo molto atteso che suscita la speranza e l'entusiasmo delle popolazioni che vivono questo immenso territorio. Il cardinale Pedro Barreto Jimeno, vicepresidente della Repam, la Rete ecclesiale panamazzonica, e arcivescovo di Huancayo, racconta i passi della Chiesa e l'impegno profetico contro lo sfruttamento.

Pubblicato l'Instrumentum laboris del Sinodo sull'Amazzonia, in programma dal 6 al 27 ottobre. In un mondo dove "tutto è connesso", come scrive il Papa nella Laudato sì, serve "una conversione integrale" per la vita della Chiesa e del pianeta, minacciato da una crisi ambientale senza precedenti. “Creare nuovi ministeri” per laici e donne e studiare la possibilità di “ordinazione sacerdotale di anziani rispettati dalla comunità”, le proposte pastorali.