Chiesa
stampa

Caritas tarvisina ha presentato il bilancio sociale 2021

Cresce non tanto il numero di poveri, ma la gravità delle condizioni in cui versano, il 50% di chi si rivolge agli sportelli di ascolto si trova in condizioni di povertà assoluta. Crescono però anche le persone disposte a donare tempo e denaro agli altri

Parole chiave: caritas (314), bilancio sociale (3), povertà (109), sostegno (19), solidarietà (184), volontariato (154), don davide schiavon (16)
Caritas tarvisina ha presentato il bilancio sociale 2021

"Il 50% delle persone che si sono rivolte al Centro di ascolto Caritas si trovano in povertà assoluta. La causa è da cercare in una serie di emergenze che si sono accumulate, una dopo l'altra. Dalla crisi economica del 2008 in poi non abbiamo mai smesso di lavorare in emergenza, quando alla crisi economica si è sommata la pandemia, e poi la guerra in Europa per molti è stato il colpo di grazia. Arrivano da noi persone che hanno venduto anche la loro borsa, il cappotto, che non hanno nulla se non quello che indossano". Queste le parole con cui don Davide Schiavon, direttore di Caritas tarvisina, ha esordito nel presentare i dati del bilancio sociale 2021 dell'associazione.

Un'emergenza che causa gravi conseguenze economiche, ma anche e soprattutto fratture sociali. "Uno dei fronti che non dobbiamo sottolineare - ha proseguito don Davide - è quello della povertà educativa dei ragazzi, per questo per noi è fondamentale la presenza nelle scuole, dove proponiamo con educatori e insegnanti dei moduli di confronto sulla gestione delle situazioni di conflitto e sull'identità del sé. Inoltre proseguiamo con i progetti di doposcuola nelle parrocchie. Questa attenzione ai ragazzi permette di arginare fenomeni di bullismo e violenza".

Con i giovani Caritas sta lavorando allo scopo di avvicinarli e consapevolizzarli sulle situazioni di povertà. Durante l'estate i ragazzi possono fare un'esperienza di povertà radicale in Casa di Carità, vivendo alcuni giorni gomito a gomito con i più poveri, tra dormitorio, docce pubbliche e mensa.

Per fine anno, inoltre, sarà pronta una nuova ala della Casa, dedicata proprio alle attività dei più giovani assieme alle persone più povere, senza dimora e migranti che si rivolgono alla Caritas. I ragazzi si stanno già incontrando per riflettere sul da farsi, e saranno proprio loro a presentare il progetto per la nuova ala, che in questo momento è in fase di sistemazione e sarà dedicata allo storico custode della Casa di carità, Jawo, mancato a settembre del 2021.

Tra le note positive del report il numero di volontari: solo in Caritas tarvisina, tralasciando le tante persone attive nelle parrocchie, sono 95, 32 in più rispetto all'anno precedente. Aumentate anche le donazioni che hanno sfiorato i 742 mila euro.

Caritas tarvisina è impegnata in tanti diversi fronti, dal dormitorio alla mensa per i più poveri al sostegno di famiglie e imprese con il progetto Sta a noi, fino alle attività nelle scuole e all'accoglienza dei vari migranti che oggi arrivano dall'Ucraina, ma non solo, visto il ritorno dei talebani in Afghanistan, la rotta balcanica delle migrazioni non si ferma, anzi. Inoltre c'è il sostegno alle persone detenute e al loro reinserimento nella comunità dopo il fine pena e delle missioni in tanti Paesi del mondo.

Tutti i dettagli sul bilancio e sulle azioni di Caritas sono consultabili qui: 

Tutti i diritti riservati
Caritas tarvisina ha presentato il bilancio sociale 2021
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento