Chiesa
stampa

Cei: “Non far mancare al popolo gesti di preghiera”, niente green pass per le celebrazioni

La Presidenza della conferenza episcopale italiana ha scritto una lettera ai vescovi per invitarli a celebrare momenti di preghiera, affinché la Chiesa sia presente in questo tempo. La ripresa autunnale delle attività pastorali sarà probabilmente ancora condizionata dalla pandemia, per ora la certificazione verde non sarà necessaria per partecipare alle messe.

Parole chiave: conferenza episcopale (32), cei (143), processioni (1), vescovi (132), celebrazioni (10), green pass (11), covid-19 (271), messe (34)
Cei: “Non far mancare al popolo gesti di preghiera”, niente green pass per le celebrazioni

La Presidenza della conferenza episcopale italiana, in una lettera indirizzata ai vescovi, scrive: “Ove ricorrano condizioni di sicurezza, non far mancare al nostro popolo questi gesti di preghiera, partecipazione e speranza perché la Chiesa sia presente in questo tempo così particolare”.

Sin dal giugno 2020, quando è stata riconcessa la possibilità di partecipare alle celebrazioni religiose, molte diocesi e parrocchie si sono organizzate per rendere possibili le processioni, come si legge nella lettera, “adottando sia la modalità tradizionale, aperta ai fedeli che possono seguire tutto il percorso, sia una modalità a stazioni, in cui solo un piccolo gruppo (composto da sacerdoti, ministri ed eventualmente membri di confraternite) percorre il tragitto, mentre i fedeli partecipano ad alcuni tratti dell’itinerario in chiesa o all’aperto”. Non è possibile, però, fornire indicazioni per tutte le Chiese locali.

Ciò che è certo, è che la ripresa autunnale delle attività pastorali sarà probabilmente ancora condizionata dalla pandemia. Per ora, da una scheda informativa che accompagna la lettera dei vescovi, si apprende come la certificazione verde non sia necessaria per partecipare alle celebrazioni. Si continuerà, perciò, a osservare quanto previsto dal protocollo Cei-Governo del 7 maggio 2020: mascherine, distanziamento tra i banchi, comunione solo nella mano, niente scambio della pace con la stretta di mano, acquasantiere vuote. Nella nota si legge: “Queste misure, tenendo conto della varietà di tradizioni e delle diverse prassi nelle diocesi, sono ancora attuali e possono continuare a essere garantite. Restano, come criteri di riferimento, il buon senso e l’andamento della situazione epidemiologica nel luogo e nel momento in cui si svolge la processione”.

La lettera della Presidenza ai vescovi si conclude così: “Siamo convinti che il Cammino sinodale, che entrerà nel vivo proprio dopo l’estate, costituisce un’occasione propizia di rilancio e di accompagnamento delle comunità, oltre che una voce profetica rispetto alle istanze del presente e del futuro”.

Fonte: Sir
Cei: “Non far mancare al popolo gesti di preghiera”, niente green pass per le celebrazioni
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento