Chiesa
stampa

Francesco, la messa con le famiglie: la santità si apprende in casa

Nella messa conclusiva dell’Incontro mondiale delle famiglie a Philadelphia, papa Francesco indica i “piccoli gesti” quotidiani con cui nella famiglia “la fede diventa vita e la vita diventa fede”. La famiglia è anche il luogo in cui si viene educati a scoprire “l’opera dello Spirito” oltre i propri confini.

Parole chiave: papa francesco (654), philadelphia (4), usa (30), popeinusa (5), stati uniti (21)
Francesco, la messa con le famiglie: la santità si apprende in casa

“Noi cristiani, discepoli del Signore, chiediamo alle famiglie del mondo che ci aiutino” a “superare lo scandalo di un amore meschino e sfiduciato, chiuso in sé stesso, senza pazienza con gli altri!”. E’ un invito alla collaborazione, alla “gratitudine”, alla “stima” per ogni famiglia “che insegni ai figli a gioire per ogni azione che si proponga di vincere il male – una famiglia che mostri che lo Spirito è vivo e operante -… a qualunque popolo, regione o religione appartenga”.

Tale invito è stato rivolto domenica 27 settembre da papa Francesco nell’omelia a conclusione della messa per l’VIII Incontro mondiale delle famiglie, celebrata al Benjamin Franklin parkway. Il boulevard, lungo quasi un chilometro era tutto ripieno da gruppi familiari, come pure diverse vie laterali. Impossibile calcolarne il numero: centinaia di migliaia, se non milioni.

Tutta la celebrazione ha avuto momenti con preghiere e letture in inglese, latino, filippino, vietnamita,.. A questo carattere universale, il pontefice ha aggiunto una universalità del valore della famiglia, un invito a tutti “a partecipare alla profezia dell’alleanza tra un uomo e una donna, che genera vita e rivela Dio”.

Il papa ha definito anzitutto la famiglia come “il luogo adatto in cui la fede diventa vita e la vita diventa fede”, attraverso i “piccoli gesti” di amore e di fedeltà quotidiani: “Gesti come il piatto caldo di chi aspetta a cenare, come la prima colazione presto di chi sa accompagnare nell’alzarsi all’alba…. E’ la benedizione prima di dormire e l’abbraccio al ritorno da una lunga giornata di lavoro”.

Ma la famiglia è anche il luogo primario in cui si “apre la ‘finestra’ alla presenza operante dello Spirito” anche al di fuori dei confini stabiliti, secondo la misura della “libertà di Dio, il Quale fa piovere sui giusti come sugli ingiusti (cfr Mt 5,45), oltrepassando la burocrazia, l’ufficialità e i circoli ristretti”.

L’invito è perciò a non ostacolare l’opera dello Spirito, dando “l’impressione che essa non ha nulla a che fare con quelli che non sono ‘del nostro gruppo’, che non sono ‘come noi’”.

“Che i nostri figli – ha detto - trovino in noi dei punti di riferimento per la comunione. Che i nostri figli trovino in noi persone capaci di associarsi ad altri per far fiorire tutto il bene che il Padre ha seminato”,  E citando la Laudato sì, ha indicato l’orizzonte dell’impegno: “La nostra casa comune non può più tollerare divisioni sterili. «La sfida urgente di proteggere la nostra casa [...] comprende lo sforzo di unire l’intera famiglia umana nella ricerca di uno sviluppo sostenibile e integrale, poiché sappiamo che le cose possono cambiare»” (LS, 13).

La messa è stata l’ultimo gesto di papa Francesco in questo viaggio negli Stati Uniti. In serata partirà per Roma. Prima della conclusione, è stato comunicato il luogo dove si terrà il prossimo incontro: a Dublino nel 2018.

Un segno conclusivo dell'Incontro è stato la consegna di copie del vangelo di san Luca a cinque famiglie da diverse città dei vari continenti (Avana, Kinshasa, Hanoi, Marsiglia, Sydney) per diffonderlo fra i poveri. In totale le copie da distribuire saranno circa un milione. La colletta raccolta durante la messa è stata donata a una famiglia siriana, presente al raduno, che fra breve ritorna a Damasco, perchè sia usata per comprare beni di prima necessità per la popolazione.

Fonte: AsiaNews
Francesco, la messa con le famiglie: la santità si apprende in casa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento