Chiesa
stampa

I Vescovi del Nordest sull'emergenza profughi: accoglienza diffusa e condivisa

I Vescovi del Triveneto, riuniti in questi giorni presso il Seminario Maggiore di Bressanone, hanno dedicato a quest'attualissimo tema una parte della loro riunione nell'intento di raccogliere, in modo adeguato e condiviso il più possibile, l'appello pressante di Papa Francesco.

Parole chiave: cet (33), vescovi (94), vescovi triveneti (9), profughi (222), rifugiati (133), accoglienza (159)
I Vescovi del Nordest sull'emergenza profughi: accoglienza diffusa e condivisa

La nuova e sempre più vasta emergenza profughi che coinvolge tutta l'Europa, comprese le nostre regioni del Nordest, richiede alle comunità cristiane la risposta di una fede capace di amore e di accoglienza, in un atteggiamento di conversione e apertura all'altro e alle sofferenze di quanti - uomini, donne e bambini - fuggono da luoghi travagliati. E bisogna contribuire a generare e continuamente ricostruire un clima di serena e cordiale convivenza nelle comunità locali chiamate ad accogliere, nel rispetto delle esigenze di tutti.
 
I Vescovi del Triveneto, riuniti in questi giorni presso il Seminario Maggiore di Bressanone, hanno dedicato a quest'attualissimo tema una parte della loro riunione nell'intento di raccogliere, in modo adeguato e condiviso il più possibile, l'appello pressante di Papa Francesco che ha esplicitamente richiesto un impegno concreto e ulteriore delle comunità ecclesiali.
 
Diocesi, parrocchie e realtà associative di queste regioni - è stato rilevato - si sono da tempo attivate e spesso promuovono già forme significative di accoglienza; il passo in avanti nell'impegno che oggi viene sollecitato a parrocchie, collaborazioni pastorali, vicariati, comunità religiose e associative è direttamente coordinato dalle singole Diocesi (perlopiù attraverso la Caritas e i suoi strumenti operativi) che si pongono quindi come interlocutore stabile ed ufficiale sia nei confronti delle istituzioni locali - in un rapporto di stretta collaborazione - che nella specifica attività di supporto fornita alle realtà ecclesiali.
 
Si è sottolineata l'importanza di operare in modo condiviso, sia in ambito ecclesiale che sui rispettivi territori, creando una rete di interventi e coinvolgendo più persone nell'assunzione di impegni e responsabilità - nel rispetto della legalità - di fronte ai diversi e numerosi servizi richiesti per un'adeguata accoglienza.
 
Soprattutto in vista dell'imminente Giubileo della Misericordia, le comunità ecclesiali del Nordest si sentono perciò chiamate ad offrire - con la generosità e il realismo da sempre presenti nella storia di queste terre (un tempo protagoniste di un fenomeno migratorio inverso) - una testimonianza di amore e fedeltà al Vangelo di Gesù Cristo, oggi sofferente nei tanti profughi come anche nelle tante persone e famiglie del nostro territorio provate da varie situazioni di fragilità e dalle difficoltà presenti soprattutto nel mondo del lavoro, attraverso gesti concreti e diffusi di accoglienza, integrazione e solidarietà rivolti verso tutti.
 
Nel corso della riunione a Bressanone del 14-15 settembre, i Vescovi del Triveneto hanno inoltre affrontato altri argomenti importanti:
- un aggiornamento in vista dell'ormai vicino Convegno di Firenze della Chiesa italiana che invita tutti a fissare in Gesù Cristo il modello di un'umanità nuova e vera, la sorgente della vita buona da offrire e realizzare nella società di oggi;
- una prima riflessione sul recente motu proprio del Papa, inerente al riordino del matrimonio canonico, e sulle conseguenti applicazioni pastorali;
- un'ulteriore tappa nella fase di analisi e scambio di esperienze e valutazioni, avviata da tempo, riguardo alla vita e alla struttura formativa dei Seminari diocesani.
 
La mattina di martedì 15 settembre il Patriarca di Venezia e Presidente della Conferenza Episcopale Triveneto Francesco Moraglia ha presieduto, con tutti gli altri Vescovi della regione ecclesiastica e alla presenza di molti fedeli, la S. Messa nella basilica cattedrale di Bressanone intitolata a S. Maria Assunta e S. Cassiano.
 

Fonte: Comunicato stampa
I Vescovi del Nordest sull'emergenza profughi: accoglienza diffusa e condivisa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento