Chiesa
stampa

Il Papa ai ragazzi dell'Acr: “Vi ringrazio tanto". E prega per la Siria e il piccolo Cocò

Due ragazzi si affacciano dal balcone con il Santo Padre

Parole chiave: acr (6), papa francesco (642), pace (152), angelus (13)

"Adesso voi vedete che non sono solo: sono in compagnia di due di voi, che sono saliti qui. Sono bravi questi due!”. Lo ha detto ieri mattina Papa Francesco, riferendosi a Sara e Matteo, una bambina e un bambino e appartenenti a due diverse parrocchie romane, invitati nell’appartamento pontificio, che hanno letto un messaggio a nome dell’Acr di Roma. Infatti, ieri i ragazzi dell’Azione cattolica della diocesi di Roma hanno concluso con la “Carovana della Pace” il mese di gennaio da loro tradizionalmente dedicato al tema della pace. “Vi ringrazio! Vi ringrazio tanto!”, ha affermato il Pontefice, rivolgendosi agli oltre tremila ragazzi dell’Acr presenti in piazza, accompagnati dal cardinale vicario Agostino Vallini. Ha, quindi, invitato ad ascoltare il messaggio di pace letto da Sara e Matteo. “Caro Papa - recita il testo -, oggi, noi ragazzi dell’Acr siamo venuti qui in Piazza San Pietro con le famiglie e gli educatori, per portare il nostro messaggio di pace a Te, cosicché possa arrivare a tutto il mondo. Quest’anno nei nostri gruppi Acr stiamo riflettendo sull’importanza di rimettersi in gioco e dare il proprio contributo unico e originale, al grido di ‘Non c‘e gioco senza Te!’”. Superando pregiudizi ed esclusioni, c’è posto per ciascuno di noi, perché più siamo più ci divertiamo”.

Successivamente il Pontefice, dicendosi “vicino con la preghiera all’Ucraina, in particolare a quanti hanno perso la vita in questi giorni e alle loro famiglie”, ha auspicato che “si sviluppi un dialogo costruttivo tra le istituzioni e la società civile e, evitando ogni ricorso ad azioni violente, prevalgano nel cuore di ciascuno lo spirito di pace e la ricerca del bene comune!”. Il Santo Padre ha rivolto “un pensiero a Cocò Campolongo, che a tre anni è stato bruciato in macchina a Cassano allo Jonio. Questo accanimento su un bambino così piccolo sembra non avere precedenti nella storia della criminalità. Preghiamo con Cocò, che sicuro è con Gesù in cielo, per le persone che hanno fatto questo reato, perché si pentano e si convertano al Signore”.

Fonte: Sir
Il Papa ai ragazzi dell'Acr: “Vi ringrazio tanto". E prega per la Siria e il piccolo Cocò
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento