Chiesa
stampa

Il Sabato Santo di Maria. Nelle lacrime, ma con la forza della fede

Quel piazzale della grotta di Lourdes, per la prima volta così a lungo vuoto di fedeli dopo 162 anni, dove Maria rimane simbolicamente presente attraverso la sua immagine, è paradossalmente un'immagine di speranza. Non c'è vuoto, povertà, fragilità dove Maria non si faccia vicina.

Parole chiave: maria (69), sabato santo (2), pasqua (84), buongiorno di speranza (94)
Il Sabato Santo di Maria. Nelle lacrime, ma con la forza della fede

“Il Signore mi ha donato di vivere molto intensamente i giorni della settimana santa...Ricordo, in particolare, un sabato santo. Avvertivo nel mio spirito la fine di tutto, era come se una cappa plumbea dovesse rimanere per sempre...Non sono mai stato un “madonnaro”, ma in quel momento così pesante ho avvertito accanto a me la presenza di Maria; non la vedevo, ma sentivo che mi diceva:“Non è tutto finito!” Fu come se si fosse squarciato il cielo e apparisse un lembo di azzurro”. E’ la confidenza di un anziano camionista che racconta di una vita vissuta in grande intimità con Dio. Se per la Chiesa il sabato, da sempre, è il giorno di Maria, lo è a ragione. Il Sabato santo è giorno di grande silenzio e di grande dolore per i discepoli, perché vedono che la loro speranza è ormai morta e sepolta. “Ma è anche il sabato santo di Maria, Vergine fedele, madre dell'Amore. Ella vive il suo sabato nelle lacrime ma insieme nella forza della fede, sostenendo la fragile speranza dei discepoli” (C. M. Martini).

In questo lungo Sabato santo del tempo che viviamo, in tanti stiamo avvertendo quanto discreta e vicina sia la presenza della Madre di Gesù. Quel piazzale della grotta di Lourdes, per la prima volta così a lungo vuoto di fedeli dopo 162 anni, dove Maria rimane simbolicamente presente attraverso la sua immagine, è paradossalmente un'immagine di speranza. Non c'è vuoto, povertà, fragilità dove Maria non si faccia vicina. In questo sabato della desolazione, tu Maria, sei la Madre che sostiene la nostra speranza e ci ottieni la consolazione del cuore. Fa che anche noi risentiamo, come tu le risentivi nel cuore, in quelle ore per tutti senza più speranza, le parole che l'angelo ti aveva rivolto tanti anni prima: “Nulla è impossibile a Dio”.

Tutti i diritti riservati
Il Sabato Santo di Maria. Nelle lacrime, ma con la forza della fede
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento