Chiesa
stampa

Il grido di Francesco a Quito: no all'indifferenza di fronte a guerra e disuguaglianza

Il Papa, che nell’omelia della Messa celebrata nel Parco del Bicentenario, a Quito, di fronte a circa un milione e mezzo di fedeli, si è soffermato su due grida: il “grido” di Gesù nell’ultima cena, sotto forma di “sussurro”, e il “grido di indipendenza” dell’America Ispanofana, risuonato proprio qui duecento anni fa.

Parole chiave: FranciscoenEcuador (1), papa francesco (654), ecuador (20)
Il grido di Francesco a Quito: no all'indifferenza di fronte a guerra e disuguaglianza

“In un mondo lacerato dalle guerre e dalla violenza”, vittima del “diffuso individualismo” che “si separa e ci pone l’uno contro l’altro”, il compito del cristiano “non è fare finta di niente”. Lo ha detto il Papa, che nell’omelia della Messa celebrata nel Parco del Bicentenario, a Quito, di fronte a circa un milione e mezzo di fedeli, si è soffermato su due grida: il “grido” di Gesù nell’ultima cena, sotto forma di “sussurro”, e il “grido di indipendenza” dell’America Ispanofana, risuonato proprio qui duecento anni fa. “La parola di Dio ci invita a vivere l’unità perché il mondo creda”, la spiegazione del primo grido: il secondo, invece, è “un grido nato dalla coscienza della mancanza di libertà, di essere spremuti e saccheggiati, soggetti alle convenienze contingenti dei potenti di turno”. “Noi qui riuniti, tutti insieme alla mensa con Gesù, diventiamo un grido, un clamore nato dalla convinzione che la sua presenza ci spinge verso l’unità”, ha attualizzato Francesco, che citando la domanda di Gesù riportata nel Vangelo di Giovanni - “Padre, che siano una cosa sola perché il mondo creda” - ha osservato come “in quel momento, il Signore sperimenta nella propria carne il peggio di questo mondo, che ama comunque alla follia: intrighi, sfiducia, tradimento, però non si nasconde, non si lamenta”.
“Anche noi constatiamo quotidianamente che viviamo in un mondo lacerato dalle guerre e dalla violenza”, ha proseguito il Papa, secondo il quale “sarebbe superficiale ritenere che la divisione e l’odio riguardano soltanto le tensioni tra i Paesi o i gruppi sociali”. In realtà, sono “manifestazioni di quel diffuso individualismo che ci separa e ci pone l’uno contro l’altro, frutto della ferita del peccato nel cuore delle persone, le cui conseguenze si riversano anche sulla società e su tutto il creato”. “Gesù ci invia proprio in questo mondo che ci sfida e la nostra risposta non è fare finta di niente, sostenere che non abbiamo mezzi o che la realtà ci supera”, ha ammonito Francesco: “La nostra risposta riecheggia il grido di Gesù e accetta la grazia e il compito dell’unità”. “A quel grido di libertà che proruppe poco più di 200 anni fa non mancò né convinzione né forza - ha commentato il Papa - ma la storia ci dice che fu decisivo solo quando lasciò da parte i personalismi, l’aspirazione ad un’unica autorità, la mancanza di comprensione per altri processi di liberazione con caratteristiche diverse, ma non per questo antagoniste”.“L’evangelizzazione non consiste nel fare proselitismo - il proselitismo è una caricatura dell‘evangelizzazione -, ma nell’attrarre con la nostra testimonianza i lontani, nell’avvicinarsi umilmente a quelli che si sentono lontani da Dio e dalla Chiesa, a quelli che hanno paura o agli indifferenti”. A ribadirlo è stato il Papa, che nell’omelia della Messa a Quito ha ricordato che “la missione della Chiesa, come sacramento di salvezza, è coerente con la sua identità di popolo in cammino, con la vocazione di incorporare nel suo sviluppo tutte le nazioni della terra”. “Quanto più intensa è la comunione tra di noi, tanto più sarà favorita la missione”, le parole del Santo Padre: “Porre la Chiesa in stato di missione ci chiede di ricreare la comunione: noi siamo missionari verso l’interno e verso l’esterno”. Unità, però, “non è uniformità ma la multiforme armonia che attrae”, che “ci allontana dalla tentazione di proposte più simili a dittature, ideologie o settarismi”. “La proposta di Gesù è concreta, non è un‘idea”, ha aggiunto a braccio. “Non si tratta neppure di un aggiustamento fatto a nostra misura, nel quale siamo noi a porre le condizioni, scegliamo le parti in causa ed escludiamo gli altri”, ha precisato Francesco: si tratta di far “parte di una grande famiglia, nella quale Dio è nostro Padre e tutti noi siamo fratelli”.

Fonte: Sir
Il grido di Francesco a Quito: no all'indifferenza di fronte a guerra e disuguaglianza
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento