Chiesa
stampa

Il mondo va avanti grazie a persone di poche parole

Gli urlatori e i presenzialisti credono di essere potenti e di decidere le sorti della società. Attendi con pazienza e li vedrai tacere e scomparire. Ti accorgerai invece quanto "i silenziosi" hanno saputo trasformare la società, la chiesa, il gruppo...Pensa solo a due persone di poche o di nessuna parola come la Vergine Maria e San Giuseppe...

Parole chiave: poche parole (1), silenzio (3), servizio (28)
Il mondo va avanti grazie a persone di poche parole

"Molte persone vengono considerate timide e introverse, quando in realtà sono semplicemente persone capaci di osservare in silenzio...Solitamente sono molto affabili. Sono poco popolari perchè in questi tempi convulsi e sovraffollati si conquista consenso mettendosi in prima fila e alzando la voce...".

Questa descrizione, che lo psicoterapeuta Alberto Pellai fa di chi riteniamo timido o riservato, ci ricorda che il mondo va avanti grazie a persone di poche parole, ma che fanno molto. Gli urlatori e i presenzialisti credono di essere potenti e di decidere le sorti della società. Attendi con pazienza e li vedrai tacere e scomparire. Ti accorgerai invece quanto "i silenziosi" hanno saputo trasformare la società, la chiesa, il gruppo...Pensa solo a due persone di poche o di nessuna parola come la Vergine Maria e San Giuseppe...Quando anche della Madonna si dice che parla molto vien da dubitare che sia proprio lei. Nel vangelo parla solo sei volte, se mettiamo insieme tutte le sue parole raccolte dai quattro evangelisti. Il suo sposo, Giuseppe, la supera con il suo silenzio.  Ma chi può dire che era muto, timido chi ha salvato la minacciata vita del bambino Gesù?

Tutti i diritti riservati
Il mondo va avanti grazie a persone di poche parole
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento