Chiesa
stampa

Il vescovo Michele di ritorno dal Ciad: "Ho visto la novità del Vangelo"

Un incontro con “una terra molto povera e con una Chiesa giovane”. Un viaggio che “lascia molte e profonde emozioni e ricordi, su cui tornare in futuro”. Così, appena tornato dal Ciad, il vescovo di Treviso, mons. Michele Tomasi, parla del suo primo viaggio in una missione diocesana, quella nella diocesi di Pala. E ci confessa: “L’incontro con questa Chiesa in missione mi fa capire che siamo davvero Chiesa missionaria e che per poter davvero essere missionari nelle nostre terre e nelle nostre vite quotidiane, nelle situazioni in cui ci troviamo anche qui a Treviso, dobbiamo avere questo sguardo aperto a tutta la Chiesa e a tutto il mondo”.

Parole chiave: centro missionario (4), michele tomasi (34), vescovo tomasi (47), tomasi (10), ciad (13), missione (34), pala (30), fianga (7)
Il vescovo Michele di ritorno dal Ciad: "Ho visto la novità del Vangelo"

Un incontro con “una terra molto povera e con una Chiesa giovane”. Un viaggio che “lascia molte e profonde emozioni e ricordi, su cui tornare in futuro”. Così, appena tornato dal Ciad, il vescovo di Treviso, mons. Michele Tomasi, parla del suo primo viaggio in una missione diocesana, quella nella diocesi di Pala. E ci confessa: “L’incontro con questa Chiesa in missione mi fa capire che siamo davvero Chiesa missionaria e che per poter davvero essere missionari nelle nostre terre e nelle nostre vite quotidiane, nelle situazioni in cui ci troviamo anche qui a Treviso, dobbiamo avere questo sguardo aperto a tutta la Chiesa e a tutto il mondo”.

Il Vescovo è partito per il Paese africano subsahariano lo scorso 10 gennaio e ha fatto ritorno a Treviso nella mattinata di lunedì, con quasi 48 ore di ritardo rispetto al previsto: a causa dell’harmattan, il vento secco e polveroso proveniente dal Sahara, frequente in questa stagione, che ha impedito all’aereo di decollare dalla capitale, N’Djamena, nei tempi previsti.

La missione affidata ai sacerdoti diocesani comprende le parrocchie di Fianga e Sere. La comunità dei nostri “fidei donum” è attualmente composta da don Stefano Bressan, don Silvano Perissinotto e don Mauro Fedato. A loro si aggiunge don Mauro Montagner, sacerdote “fidei donum”, che dopo aver ricevuto il mandato missionario lo scorso ottobre, ha viaggiato insieme al Vescovo e al direttore del Centro missionario diocesano, don Gianfranco Pegoraro, è arrivato, per restare nella missione.

Racconta il Vescovo: “La vita delle comunità, a Fianga e Sere, è molto diversa, essenziale, rispetto al nostro ritmo di vita e alle nostre abitudini, anche uno spostamento di poche decine di chilometri può diventare facilmente un’avventura. Le persone vivono a livello di sussistenza. Eppure, lo spirito che si respira, a contatto con queste comunità è quello di chi sta incontrando la freschezza e la novità del Vangelo, dell’incontro con il Signore. L’annuncio dei missionari della nostra diocesi, come quello delle congregazioni missionarie o come quello del clero locale, contribuisce alla costruzione di questa Chiesa. Sono pochi decenni che lì è arrivato il messaggio del Vangelo e si sta costituendo la struttura ecclesiale, ma soprattutto si allarga il numero delle persone che chiedono il battesimo ed entrano nella Chiesa, costituendo un dono e un fatto di novità”.

Mons. Tomasi ha incontrato, tra gli altri, il vescovo di Pala, mons. Jean-Claude Bouchard, e l’arcivescovo di N’Djamena, mons. Edmond Dijtangar. Con quest’ultimo, poche ore prima di rientrare in Italia, ha partecipato, insieme agli altri sacerdoti trevigiani, all’apertura della Settimana di preghiera per l’Unità dei cristiani. Ha anche incontrato il grande Imam del distretto di Fianga. “Gli incontri avuti con i vescovi, le autorità religiose e civili - prosegue il Vescovo - mi hanno fatto capire che quello che abbiamo di più profondo, di più vero, di più importante, è portare a tutti l’annuncio del Vangelo, della novità della vita in Cristo. Fa parte di questa novità la capacità che si sviluppa nelle persone di prendersi cura gli uni degli altri e di costruire relazioni più giuste e fraterne, una vita che anche dal punto di vista materiale possa soddisfare le esigenze di dignità e di bellezza da parte delle persone”.

Mons. Tomasi è stato molto colpito dalle liturgie, afferma di aver provato “stupore e gioia di fronte alla bellezza delle liturgie che occupano tempo; coinvolgono le persone tanto da far fare loro ore di cammino per celebrare insieme; sono piene di gioia, di danze, di canti; vedono l’assemblea come un corpo unico, in comunione, come il corpo di Cristo nella storia. Questa bellezza, freschezza, gioia della liturgia tenta in tutti i modi di farsi vita, condivisione. Abbiamo visto portare i doni, come il miglio, le cose della produzione quotidiana per la festa del raccolto, perché la comunità possa vivere e possa essere unita e solidale. Mi ha colpito, appunto, il tentativo di trasformare questa liturgia gioiosa in vita, in condivisione, in comunità, in uno spazio in cui le persone possano avere anche prospettive di bene, sviluppo e felicità”.

Una Chiesa missionaria, insomma è aperta a tutto il mondo. “Dobbiamo avere mani, cuori e intelligenze che partono anche per annunciare il Vangelo con la Parola, con la liturgia e con la vita, e poi possano ritornare da noi e farci comprendere quanto sia bello il messagio del Vangelo letto attraverso le storie, i volti, delle persone semplici ma gioiose che incontriamo in tutte le parti del mondo”, il pensiero di mons. Tomasi, che conclude: “Davvero è stata un’esperienza missionaria che rende più nuova e più giovane anche la nostra testimonianza di vita”.

Tutti i diritti riservati
Il vescovo Michele di ritorno dal Ciad: "Ho visto la novità del Vangelo"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento