Chiesa
stampa

Meravigliosa grazia!

Chi non conosce il canto o almeno la melodia di “Amazing Grace”, uno dei più famosi inni della tradizione cristiana protestante? Nasce dall'esperienza vissuta da John Newton (1725-1807).

Parole chiave: amazing grace (1), grazia (2), buongiorno di speranza (94)
Meravigliosa grazia!

“Meravigliosa grazia! Che lieta novella/ che ha salvato un miserabile come me!/ Un tempo ero perduto, ma ora sono ritrovato/ ero cieco, ma ora ci vedo/... E' la grazia che mi solleva dalla paura.../Attraverso molti pericoli, travagli e insidie/ sono già passato;/ la grazia mi condotto in salvo fin qui/ e la grazia mi condurrà a casa...”. Chi non conosce il canto o almeno la melodia di “Amazing Grace”, uno dei più famosi inni della tradizione cristiana protestante? Nasce dall'esperienza vissuta da John Newton (1725-1807). Orfano a sei anni, marinaio a dieci con il padre, a diciassette soldato nella marina, da cui viene cacciato per cattiva condotta, abbandona la fede, giungendo a fare professione di ateismo e diventa trafficante di schiavi. Dopo essersi sposato si riavvicina alla fede. Una serie di eventi piuttosto pericolosi, come il salvataggio durante un naufragio, risvegliano in lui il desiderio di una profonda conversione che culmina con la vocazione al ministero pastorale. Lotta per l'abolizione della schiavitù e muore nel 1807, l'anno che vide la soppressione della tratta degli schiavi nei domini inglesi. Alla fine della sua vita, quasi cieco e con la memoria sempre più debole, non cessava di lodare il Signore per la grazia della conversione, ripetendo a tutti: “La mia memoria è quasi del tutto svanita, ma ricordo due cose: che io sono un grande peccatore e che Cristo è un grande salvatore”. Sulla sua tomba volle che fosse scritto: “John Newton ecclesiastico, un tempo un infedele, un libertino, servo degli schiavisti in Africa, fu, per grazia del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo, conservato, redento, perdonato e inviato a predicare quella fede che aveva cercato di distruggere”. Non c'è condizione umana, per quanto disperata, che non possa conoscere la “meravigliosa grazia” dell'azione di Dio. Ciò che spesso a noi manca è la fiducia nelle “potenza” di Dio, che nell'impotenza umana più assoluta, come quella della morte (non solo fisica), sa aprire strade di speranza, al punto che, come esclama san Paolo: “Dove abbondò il peccato sovrabbonda la grazia” (Romani 5,20) “Amazing Grace!”.

Tutti i diritti riservati
Meravigliosa grazia!
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento