Chiesa
stampa

Messa dei popoli in Cattedrale: "Riconoscersi fratelli e sorelle"

Si è ripetuta il 6 gennaio in cattedrale la bellezza della celebrazione eucaristica solenne nella festa dell’Epifania, animata dalle comunità cattoliche di origine straniera presenti in diocesi di Treviso. L’auspicio del Vescovo: “Io vorrei tanto che noi qui potessimo essere profezia e promessa che si realizza"

Parole chiave: messa dei popoli (10), epifania (17), cattedrale (74), treviso (2122), diocesi treviso (224), stranieri (53), migranti (207), fraternità (24), vescovo michele (147), michele tomasi (157)
Messa dei popoli in Cattedrale: "Riconoscersi fratelli e sorelle"

Si è ripetuta il 6 gennaio in cattedrale la bellezza della celebrazione eucaristica solenne nella festa dell’Epifania, animata dalle comunità cattoliche di origine straniera presenti in diocesi di Treviso. Una “messa dei popoli” ricca delle bandiere dei diversi Paesi, dei colorati abiti, delle musiche e dei canti, con le diverse lingue che sono risuonate per le letture e le preghiere dei fedeli.

Il Vangelo, ad esempio, è stato proclamato in lingua ucraina da padre Michail, che ha concelebrato insieme agli altri sacerdoti stranieri che accompagnano le comunità e a diversi sacerdoti trevigiani. Presenti anche il prefetto Angelo Sidoti, il sindaco Mario Conte, il presidente e la vicepresidente del Consiglio comunale, Giancarlo Iannicelli e Maria Tocchetto e il presidente della “Trevisani nel mondo”.

Nel saluto iniziale, la cooperatrice pastorale Nadia Scabello ha letto le parole di don Bruno Baratto, direttore dell’ufficio diocesano Migrantes, che non ha potuto essere presente: “Chiediamo di lasciarci provocare, Chiesa di Treviso, da questi arrivi, quelli dei padri e delle madri, ma pure quelli dei figli e delle figlie, nati ormai tra noi, insieme figli e figlie anche nostri. E grazie a voi migranti, perché portate a questo territorio che invecchia la forza di vita e di futuro che chi è più giovane sa generare”.

Il vescovo Michele Tomasi, nell’omelia, commentando la pagina del Vangelo di Matteo che narra la visita dei Magi a Betlemme, ha sottolineato che essi provarono una gioia grandissima, la “gioia di una promessa mantenuta. Vedono la luce della stella, vedono un luogo, uno spazio, la casa, il bambino e Maria sua madre. Ecco dove si realizza la profezia di Isaia, il luogo verso cui “cammineranno le genti alla tua luce, i re allo splendore del tuo sorgere”. È qui a Betlemme che i Magi dall’oriente sono parte della promessa che si realizza. È qui che tutta Gerusalemme può tornare a credere, e ad obbedire all’Autore della promessa antica”.

“Carissimi, carissime, la storia sta facendo ancora il suo corso, e noi ci troviamo ancora in cammino, accanto ad Erode e ai suoi concittadini della Gerusalemme di allora - ha sottolineato il Vescovo -. Accanto ai Magi che ancora pongono domande, e cercano, e gioiscono per la luce e perché le promesse non sono solamente vuote parole. Ci troviamo ancora, nella storia, a dover scegliere quale sia il nostro movimento, la nostra ricerca, la fonte del nostro timore e della nostra gioia più profonda. Perché il nostro mondo - ha ricordato mons. Tomasi - è ancora insanguinato dalla violenza e dalla guerra, è insozzato dalla prepotenza, è ingrigito dal male, dalla sfiducia reciproca, dalla cattiveria che troppo spesso ci fa giudici implacabili delle fragilità degli altri, timorosi perché qualcuno da lontano viene a chiederci dove stia nascendo qualcosa di nuovo nei nostri cuori, nelle nostre società, nelle nostre economie e culture”.

Ecco, allora, l’auspicio del Vescovo: “Io vorrei tanto che noi qui potessimo essere profezia e promessa che si realizza. Bellezza di suoni, di colori, di voci da tutte le nazioni, luce che fa diradare la nebbia fitta che avvolge i popoli. Anche noi nella casa del Signore e casa del suo popolo, e non nei meccanismi che fanno di tutto per farci sospettare gli uni degli altri, impedendoci di guardarci negli occhi, per conoscerci ed amarci. Davanti al bambino, senza mai dimenticarci che Dio si mette a disposizione dell’umanità intera e di ciascuno di noi senza nessuna riserva: e noi arrivare a Lui come Magi con i nostri doni e non come Erode, con la sua folle paura omicida. E davanti a Maria, la madre che gioisce per i suoi figli che amano il suo Figlio, che vede figli e figlie belli, splendenti, gioiosi, figli che vengono da vicino e da lontano, figlie portate in braccio, insieme accolti come promessa di futuro e di speranza, non come peso da scaricare appena possibile”.

“Signore, fa’ che crediamo alla tua promessa antica e sempre nuova, fa’ che decidiamo di stare dalla parte dei Magi, facci incrociare il tuo sguardo carico di amore per noi, e quello di Maria, la Madre sempre presente ed amata: fa’ che sia il suo lo sguardo che dirada la nebbia, che oscura gli occhi e il cuore, e che il suo sguardo non ci lasci quieti finché non avremo riconosciuto lei Madre, te Fratello, Dio Padre e noi, tutti e ciascuno, fratello e sorella”.

Nelle preghiere dei fedeli si è pregato, in particolare, per i migranti e i rifugiati e per la pace (“Perché la pace torni a regnare nel mondo intero. Tocca il cuore di chi sta generando morte e disperazione, e guida con la tua mano le loro scelte. Aiuta i migranti in cerca di una vita dignitosa. Conforta gli anziani che soffrono nella solitudine. Sostieni i giovani, nelle cui mani è il destino del mondo, e aiuta i bambini tormentati da tanta tristezza e paura”).

La festa è poi proseguita nella palestra della chiesa Votiva, con la presentazione delle diverse comunità e con un momento conviviale.

Tutti i diritti riservati
Messa dei popoli in Cattedrale: "Riconoscersi fratelli e sorelle"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento