Chiesa
stampa

Mons. Cevolotto, l'annuncio a Piacenza: "Benvenuto nel nome del Signore"

“Sono certo – ha detto il vescovo Gianni Ambrosio – che il vescovo Adriano si inserirà in questo cammino e troverà una Chiesa, una città e un territorio disponibili a operare per il bene di tutti”.

Mons. Cevolotto, l'annuncio a Piacenza: "Benvenuto nel nome del Signore"

“Al caro fratello vescovo Adriano va il mio saluto personale, insieme a quello dei sacerdoti e diaconi, dei membri della vita consacrata, dei fedeli della comunità ecclesiale e di tutti i cittadini di Piacenza e del territorio diocesano. Lo accogliamo con grande gioia e gli diciamo: Benvenuto nel nome del Signore!”. Non ha voluto che la nomina del successore si riducesse a un passaggio formale. Per questo monsignor Gianni Ambrosio ha voluto inserire l’annuncio ufficiale dell’arrivo di monsignor Adriano Cevolotto come nuovo vescovo della Chiesa di Piacenza-Bobbio in un contesto di preghiera.

In Cattedrale, subito dopo la proclamazione del brano di Vangelo del Buon Pastore e la lettura di alcuni passaggi del discorso di papa Francesco ai nuovi Vescovi del settembre scorso, in veste di amministratore apostolico – questo l’incarico che mons. Ambrosio rivestirà nel periodo di transizione verso l’ingresso della nuova guida della diocesi – ha dato lettura del comunicato, alle 12, in concomitanza con la Sala Stampa vaticana, com’è prassi. E ha voluto da subito esprimere la vicinanza sua e di tutta la Chiesa diocesana. “Da questo momento, gli garantiamo la nostra quotidiana preghiera” – ha sottolineato mons. Ambrosio – e “gli assicuriamo la nostra disponibilità a lavorare con lui per l’importante missione di Pastore di questa Chiesa”.

 

I piacentini, popolo laborioso e solidale

Piacenza e la sua provincia sono stati profondamente segnati dalla pandemia degli ultimi mesi. La città si trova a soli 15 chilometri da Codogno, dove il 21 febbraio è stato individuato il cosiddetto “paziente 1”. Tra i due territori c’è scambio continuo, per motivi di lavoro, di studio, di amicizia o di famiglia. Per questo la più occidentale delle province emiliane, separata dal Lodigiano solo da fiume Po, è stata sin dall’inizio in prima linea ad affrontare il diffondersi dei contagi. Il Covid-19 ha fatto oltre 960 vittime, compresi sei sacerdoti. Del più giovane, 53 anni, don Paolo Camminati, assistente diocesano dell’Azione Cattolica e parroco in città, i media nazionali hanno parlato più volte per il progetto di aprire una “casa” in parrocchia riservata ai lavoratori precari, fenomeno in crescita nel Piacentino per il suo ruolo di polo logistico, oltre che per la telefonata di papa Francesco alla famiglia. La pandemia ha lasciato ferite profonde anche nel tessuto economico, fatto soprattutto di piccole e medie imprese e di attività commerciali spesso a conduzione familiare.

Mons. Ambrosio ha voluto ricordare che proprio questi duri mesi di prova – non ancora conclusa, perché l’emergenza da sanitaria è diventata sociale – hanno fatto emergere “una grande solidarietà e una straordinaria generosità, che sono le premesse per una rigenerazione della vita delle nostre comunità”. Una caratteristica che in realtà non è una novità per chi vive e conosce il territorio, di cui mons. Ambrosio richiama la “lunga storia di fede, di vita buona, di carità vissuta nel quotidiano, di laboriosità e di intraprendenza”.

Ne è un’ennesima prova il protocollo che, proprio stamattina, mons. Ambrosio ha firmato con il Comune di Piacenza, la Fondazione di Piacenza e Vigevano, Crédit Agricole e la Caritas diocesana istituendo un fondo sociale per rispondere alle situazioni di difficoltà in cui tante persone e famiglie si sono ritrovate in seguito alla crisi sanitaria. Una firma prevista da tempo che diventa – con soddisfazione, non nasconde mons. Ambrosio – “il mio ultimo atto come vescovo titolare di questa diocesi”.

“Sono certo – ha proseguito – che il vescovo Adriano si inserirà in questo cammino e troverà una Chiesa, una città e un territorio disponibili a operare per il bene di tutti”.

Tutti i diritti riservati
Mons. Cevolotto, l'annuncio a Piacenza: "Benvenuto nel nome del Signore"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento