Chiesa
stampa

Nullità matrimoniali nel Triveneto, lieve calo fisiologico ma il numero resta alto

Nel 2014 nelle diocesi del Triveneto si era toccato il minimo, con 165 nuove cause introdotte, per poi risalire gradualmente fino a superare dal 2016 in poi le 200 cause. I dati vengono resi noti, come di consueto, nell’ambito dell’inaugurazione dell’anno giudiziario del Tribunale Ecclesiastico Regionale Triveneto (Tert), che si è tenuto giovedì 20 presso il centro Card. Urbani di Zelarino.

Nullità matrimoniali nel Triveneto, lieve calo fisiologico ma il numero resta alto

Negli ultimi anni, grazie anche alla riforma del processo di nullità matrimoniale di Papa Francesco, si è registrato un rinnovato interesse delle persone verso la possibilità di rivolgersi al Tribunale ecclesiastico per richiedere una dichiarazione di nullità di matrimonio.

Nel 2014 nelle diocesi del Triveneto si era toccato il minimo, con 165 nuove cause introdotte, per poi risalire gradualmente fino a superare dal 2016 in poi le 200 cause. Ora si registra una lieve flessione scendendo dalle 236 del 2018 alle 206 del 2019. Ma si può considerare, questo, un calo fisiologico. 

I dati vengono resi noti, come di consueto, nell’ambito dell’inaugurazione dell’anno giudiziario del Tribunale Ecclesiastico Regionale Triveneto (Tert), che si è tenuto giovedì 20 presso il centro Card. Urbani di Zelarino, alla presenza del Patriarca mons. Francesco Moraglia e con la relazione del prof. Manuel Arroba Conde, attualmente giudice della Rota spagnola e Direttore della sezione di Madrid dell’Istituto Giovanni Paolo II.La prima considerazione da fare, dunque, è che oggi sono molto più numerose rispetto a un tempo le persone che prendono in considerazione l’opportunità di ottenere la nullità matrimoniale.  “Solitamente - commenta il vicario giudiziale don Adolfo Zambon - le persone prendono in considerazione la possibilità di rivolgersi al Tribunale ecclesiastico su consiglio di qualche sacerdote, oppure perché stanno vivendo un contesto di di accompagnamento pastorale”. Fondamentale, dunque, il ruolo di chi - sacerdote o laico - si trovi ad accompagnare spiritualmente una persona che abbia vissuto, recentemente o meno, la dolorosa esperienza della separazione o del divorzio. “E’ questa una possibilità da tenere sempre più presente”, sottolinea appunto il vicario giudiziale. Tornando ai dati, l’aumento di cause introdotte negli ultimi anni ha fatto sì che rimangano pendenti, da un anno all’altro, numerose istanze: erano 532 a inizio 2019, siamo saliti a 546 a fine anno. E questo nonostante un irrobustimento della struttura del Tribunale, nelle diverse sedi diocesane, che ha portato a esaminare, nel solo anno 2019, ben 738 cause di prima istanza.L’attività istruttoria è molto efficace e il “filtro” posto a monte fa sì che il 90% delle cause sfoci in una sentenza affermativa, cioè conduca alla nullità matrimoniale: delle 187 cause terminate lo scorso anno, con il processo ordinario, ben 167 hanno avuto sentenza affermativa. A queste poi si devono aggiungere le istanze che hanno seguito l’iter del “processo breve”, ugualmente introdotto da Papa Francesco qualora si determinino alcune precise condizioni: in questo caso il procedimento di nullità viene seguito direttamente dal vescovo (è questo il tema trattato giovedì all’inaugurazione dell’anno giudiziario dal prof. Conde). Il numero è ancora esiguo (5 terminate nel 2019), ma si tratta di una possibilità che va considerata con molta attenzione. Una delle condizioni è che le due parti siano entrambe d’accordo e poi che vi sia una manifesta nullità: “Questo significa - sottolinea don Zambon - che le persone, terminata l’esperienza di vita coniugale, riescono a compiere un passo avanti sulla via della carità, superando le tensioni e le divisioni, rileggendo in modo sereno la propria vicenda coniugale”. Per quanto riguarda i “capi di nullità” nelle cause terminate nel 2019, ovvero le motivazioni che hanno determinato la sentenza favorevole, prevale il “grave difetto di giudizio circa i diritti e i doveri essenziali del matrimonio”, seguito dalla “incapacità di assumere le obbligazioni essenziali del matrimonio”, dalla “esclusione dell’indissolubilità del vincolo” e dalla “esclusione della prole”.Un aspetto poco noto relativo alle cause di nullità matrimoniale riguarda il coinvolgimento di un numero cospicuo di persone. Si pensi che nel corso della fase istruttoria delle 192 cause terminate nel 2019 sono state ascoltate circa 1100 persone, tra le parti in causa e i testimoni. “Pur in un contesto che è quello tipico del procedimento canonico - sottolinea il vicario giudiziale - è questa una occasione propizia, per queste persone, per riflettere su alcuni aspetti del matrimonio o su altri fondamentali nella propria vita. Alcune persone, riporto solo la mia esperienza personale - prosegue don Zambon - hanno affermato di aver scoperto solo in questa occasione alcuni aspetti fondamentali del matrimonio cristiano”. 

Tutti i diritti riservati
Nullità matrimoniali nel Triveneto, lieve calo fisiologico ma il numero resta alto
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento