Chiesa
stampa

Papa Francesco il 20 giugno sulle tombe di don Mazzolari e di don Milani

"Nell’esperienza pastorale di don Milani - prosegue - c’è qualcosa che ha da dire ancora alle esperienze pastorali della nostra Chiesa”, ha detto l'arcivescovo di Firenze Giuseppe Betori annunciando la visita a Barbiana. Lo stesso giorno il Papa sarà anche a Bozzolo.

Papa Francesco il 20 giugno sulle tombe di don Mazzolari e di don Milani

“Mi affianco alla volontà del Santo Padre di non cancellare il passato, ma di rileggerlo e di capirlo. Non si tratta di dire che tutto è andato bene a Firenze con don Milani, tutt’altro: ci sono state difficoltà e di questo dobbiamo prendere atto. Non dobbiamo pensare che tutto può essere cancellato”. Lo dichiara il card. Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, in un’intervista realizzata da Radio Toscana e rilanciata dal Sir, in seguito all’annuncio della visita di Papa Francesco il prossimo 20 giugno a Barbiana. “Nell’esperienza pastorale di don Milani - prosegue - c’è qualcosa che ha da dire ancora alle esperienze pastorali della nostra Chiesa”, basti pensare a “tutto quello che don Milani ha rappresentato per la difesa degli ultimi, degli umili, dei più marginali nella società - allora si chiamava Barbiana - e cosa significa oggi tutto questo”. Lo stesso vale per “il modo di stare vicino alle persone, concretamente. Non tanti proclami, ma una vicinanza e un accompagnamento personale. Credo che questi aspetti siano da riprendere, per questo ho chiesto che venga dedicato un convegno di studio all’esperienza pastorale di don Milani che la nostra Facoltà teologica promuoverà nei prossimi mesi, per il cinquantenario della morte”. Per la visita del Papa alla tomba di don Lorenzo Milani, il card. Betori chiede “preghiere perché da questo gesto ne venga un bene per la Chiesa e per i preti di tutto il mondo”. Ricordando la forma privata della visita, sottolinea: “Mi riprometto di far capire a tutti che, essendo molto mirato il gesto del Santo Padre, dobbiamo accettare che egli incontri solo poche persone, non più di duecento: raccoglieremo tutti gli alunni di don Milani, quelli di Calenzano e quelli di Barbiana, i familiari e alcuni dei nostri preti e alcuni giovani, che nelle nostre realtà ecclesiali seguiamo nel loro cammino educativo, proprio per rappresentare tutti i ragazzi, i più marginali, i più abbandonati, che, come don Milani fece un tempo, anche oggi devono essere accompagnati e seguiti dalla Chiesa e da tutti coloro che ne hanno a cuore le sorti”.
Lo stesso giorno il Papa sarà anche a Bozzolo, per pregare sulla tomba di don Primo Mazzolari (1890-1959). “Per noi è un’ulteriore conferma del lavoro svolto, da anni, per custodire la memoria di don Primo, studiarne l’opera sacerdotale e culturale, e diffonderne il messaggio cristiano”: don Bruno Bignami, presidente della Fondazione Don Primo Mazzolari e postulatore della causa di beatificazione, racconta così la “gioia” con la quale è stata accolta la notizia della visita di papa Francesco a Bozzolo, il prossimo 20 giugno, per pregare sulla tomba del parroco-scrittore. “Ritengo che questo dono del Papa sottolinei anche la profonda evangelicità della testimonianza di don Mazzolari”. Si tratta, specifica don Bignami, di “una visita in forma privata, diremmo in stile mazzolariano, lontana da ogni clamore. Il Santo Padre ha espresso la volontà di venire a pregare sulla tomba di don Primo e incontrare i luoghi del suo ministero”. Il postulatore della causa – che dovrebbe avere inizio nella fase diocesana il prossimo autunno – afferma ancora: “Credo che il Papa ci lascerà un messaggio per comprendere ancora meglio l’eredità lasciataci da don Primo e la sua attualità nella Chiesa del nostro tempo”.

Fonte: Sir
Papa Francesco il 20 giugno sulle tombe di don Mazzolari e di don Milani
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento