Chiesa
stampa

Sciopero generale in Paraguay: la Chiesa sostiene chi chiede giustizia sociale

Il Presidente del Paraguay, Horacio Cartes, ha dato disposizione di ascoltare i sindacati dopo lo sciopero generale del 26 marzo. La Chiesa difende il diritto a manifestare e dice: “Tutti i cristiani, anche i Pastori, sono chiamati a preoccuparsi della costruzione di un mondo migliore”

Parole chiave: Paraguay (31), Mario Melanio Medina (3), sciopero (28)
Sciopero generale in Paraguay: la Chiesa sostiene chi chiede giustizia sociale

Dopo lo sciopero generale di mercoledì 26 marzo, che nonostante le previsioni di violenza si è svolto in modo pacifico, il Presidente del Paraguay, Horacio Cartes, ha dato disposizione di ascoltare i sindacati. Migliaia di contadini, operai e lavoratori hanno marciato nelle principali città del paese, protestando per l’aumento dei prezzi dei biglietti del trasporto pubblico, dei prodotti del paniere familiare e di tutti i servizi statali. I sindacati sono riusciti a unificarsi, dopo 20 anni, per chiedere al governo un aumento del 25 per cento del salario minimo per tutti i lavoratori del paese.
La Chiesa cattolica del Paraguay ha sempre difeso il diritto dei lavoratori a manifestare pubblicamente le proprie richieste, come spiega il comunicato della Conferenza Episcopale giunto all’Agenzia Fides: "Dobbiamo riconoscere nelle richieste dei cittadini il desiderio di una vita migliore per ampi settori della nostra società, che vivono una profonda ingiustizia che grida solidarietà e giustizia sociale. Queste esigenze dei cittadini, però, dovrebbero essere fatte nel quadro del dialogo e del consenso, soprattutto prendendo come orizzonte il raggiungimento del bene comune della nazione Paraguayana, sotto il disegno d'amore di Dio per i suoi figli".
"Il diritto allo sciopero è garantito dalla legge" ricordano ancora i Vescovi, che poi citano la “Evangelii Gaudium” di Papa Francesco (n.183): “Sebbene il giusto ordine della società e dello Stato sia il compito principale della politica, la Chiesa non può né deve rimanere ai margini della lotta per la giustizia. Tutti i cristiani, anche i Pastori, sono chiamati a preoccuparsi della costruzione di un mondo migliore”.
Mons. Mario Melanio Medina Salinas, Vescovo di San Juan Bautista de las Misiones (dove sono impegnati anche i nostri missionari “Fidei donum"), in una nota inviata all'agenzia di stampa Fides sostiene che è necessario manifestare, perché il popolo vive nella miseria: "sebbene il Paraguay sia ammirato per la sua macroeconomia, la povertà e la miseria sono in aumento".

Fonte: Agenzia Fides
Sciopero generale in Paraguay: la Chiesa sostiene chi chiede giustizia sociale
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento