Chiesa
stampa

Tomasi cardinale, "riconoscimento anche alla nostra terra"

"Uno scherzo della Provvidenza! Non ne sapevo assolutamente nulla. Poco dopo mezzogiorno mi hanno raggiunto con questa notizia, ma pensavo si trattasse di uno scherzo. Poi, invece, le telefonate si sono moltiplicate e ho capito che era tutto vero. Sono profondamente grato al Santo Padre per la fiducia che ha riposto in me, dice l'interessato. "I problemi non si risolvono individualmente e unilateralmente. Bisogna lavorare insieme per la casa comune, vista come luogo di ospitalità, accettazione reciproca, attenzione ai più umili e poveri".

Parole chiave: silvano maria tomasi (5), cardinale tomasi (2), casoni (8), concistoro (14)
Tomasi cardinale, "riconoscimento anche alla nostra terra"

“All’inizio ho pensato fosse uno scherzo. Poi, poco dopo ho capito che era vero”, ci dice l’interessato. A Casoni di Mussolente il parroco, don Alessandro Piccinelli, ha invece avuto pochi dubbi e ha subito fatto le campane a festa. L’arcivescovo Silvano Maria Tomasi, scalabriniano, ottant’anni compiuti il 12 ottobre, è uno dei tredici nomi annunciati domenica scorsa dopo l’Angelus, da papa Francesco. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente in Vaticano.

Immagiamo che l’annuncio del Papa sia stato una sorpresa anche per lei…

Uno scherzo della Provvidenza! Non ne sapevo assolutamente nulla. Poco dopo mezzogiorno mi hanno raggiunto con questa notizia, ma pensavo si trattasse di uno scherzo. Poi, invece, le telefonate si sono moltiplicate e ho capito che era tutto vero. Sono profondamente grato al Santo Padre per la fiducia che ha riposto in me.

Si è fatto un’idea dei motivi che hanno indotto il Papa a indicarla come nuovo cardinale? Forse il suo lungo lavoro a livello internazionale?

Credo che, da una parte, questo sia un riconoscimento alla “famiglia” scalabriniana, che da tanti anni lavora nel mondo, oggi cruciale, delle migrazioni. In secondo luogo, ritengo che venga sottolineato il ruolo sempre più importante della diplomazia multilaterale, che ho seguito per tanti anni, negli Stati Uniti, in Africa, all’Onu, ultimamente nella Curia romana.

Ma forse è un “premio” anche alla terra veneta, in qualche modo alla nostra diocesi, non crede?

Sì, penso che sia anche un segno di apprezzamento per il Veneto, per la Pedemontana, per la stessa diocesi di Treviso. Per una terra laboriosa e dalle forti radici di fede, a cominciare dal mio paese, Casoni, che è noto per le tante vocazioni donate alla Chiesa. Credo che questa scelta sia un invito a rimanere fedeli alla fede, alla vita cristiana.

A Casoni vorranno fare festa, il suo legame con la terra d’origine è sempre stato forte.

Piacerebbe anche a me, vediamo come riusciamo a organizzarci, anche in vista del Concistoro. Sappiamo che ci saranno delle limitazioni, non ci potranno essere grandi numeri.

A proposito del momento attuale, come pensa si debba vivere questa crisi?

Credo che essa si superi rinnovando l’esperienza di un impegno per una vita sociale che sia più aperta, e vicina a tutti. Ho lavorato in tutto il mondo, negli Usa e in Africa, in Svizzera e in Curia romana, ho conosciuto il mondo bilaterale, con due superpotenze, mentre oggi viviamo in un mondo multilaterale. Credo di poter dire, alla luce di queste esperienze, che i problemi non si risolvono individualmente e unilateralmente. Bisogna lavorare insieme per la casa comune, vista come luogo di ospitalità, accettazione reciproca, attenzione ai più umili e poveri. Si tratta delle priorità che papa Francesco ha messo sul tappeto davanti a tutti: l’immigrazione, l’accoglienza, l’integrazione, il rispetto delle persone, l’inclusione dei più poveri e dei più emarginati nella vita sociale.

Tutti i diritti riservati
Tomasi cardinale, "riconoscimento anche alla nostra terra"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento