Chiesa
stampa

Verso le ordinazioni, il profilo dei nuovi sacerdoti/1 "Eccomi! Manda me"

"Vuoi seguirmi?". Questa la domanda rivolta dal Signore a don Luca Biasini, 26, originario di Zenson di Piave: "l tempo che sto vivendo in imminenza dell’ordinazione è caratterizzato dalla gioia e dalla speranza".

Parole chiave: don luca biasini (1), sacerdoti (65), ordinazioni (33)
Verso le ordinazioni, il profilo dei nuovi sacerdoti/1 "Eccomi! Manda me"

“Vuoi seguirmi?” Questa domanda rivoltami dal Signore, continua a inquietare il mio cuore portando in esso un fuoco di gioia e speranza. Qualcuno potrebbe dire: diventare prete a 26 anni non è troppo presto? Sei davvero sicuro di voler percorrere questa strada? Sì, con tutto il cuore e con tutta la vita! Provengo da una piccola parrocchia della Diocesi: Zenson di Piave. La mia famiglia è composta da papà e mamma, due sorelle e un fratello, io sono il più piccolo di casa. Sono entrato in seminario in Comunità Vocazionale, dopo il diploma di geometra, nel 2011. Gli anni del Seminario mi hanno visto svolgere il servizio pastorale prima a Zenson e Monastier, poi nella parrocchia di S. Martino di Lupari e, dopo l’esperienza Siloe, oggi nelle comunità di S. Bertilla e Crea a Spinea. Il tempo che sto vivendo in imminenza dell’ordinazione è caratterizzato dalla gioia e dalla speranza. Sono sentimenti legati strettamente al Signore. La gioia deriva dal riconoscere l’amore di Dio per la mia vita. In questi anni l’ho sperimentato con forza, nelle relazioni fraterne e nell’incontro con tante persone. La speranza che abita il mio cuore nasce dalla fedele presenza del Padre, da sempre amico e compagno di cammino. Gesù è stato, per me, fin da piccolo, uno di casa, anche nei periodi più difficili non è venuto meno il percepire la sua vicinanza. Non saprei dire il perché di questa relazione così stretta, ma così è sempre stato! In ciò vedo il grande disegno della provvidenza che mi ha dato il dono di percepire con forza la presenza del Padre. La speranza apre ai miei occhi l’orizzonte del futuro, per una vita spesa fianco a fianco del Signore. Di fronte al grande mistero dell’amore di Dio e della sua paternità, non posso che continuare a dire: eccomi Signore, si compia in me la tua volontà, io mi fido e mi abbandono a te. Credo di aver trovato con il Signore, il mio modo di amare, il modo di vivere la mia vita spendendo forze e capacità per testimoniare l’Amore. Con gioia inizio il cammino consapevole che il più bello deve ancora arrivare.

Tutti i diritti riservati
Verso le ordinazioni, il profilo dei nuovi sacerdoti/1 "Eccomi! Manda me"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento