Cultura e Spettacoli
stampa

I capolavori di El Greco a Treviso: anteprima sulla mostra dei Carraresi

Dal 23 ottobre 2015 al 10 aprile 2016 la Casa dei Carraresi ospiterà la più importante retrospettiva mai realizzata in Italia dedicata al grande Maestro del Cinquecento.


Parole chiave: el greco (6), treviso (1497), mostra (123), fondazione cassamarca (16)
I capolavori di El Greco a Treviso: anteprima sulla mostra dei Carraresi

Treviso si prepara a tingersi dei colori di El Greco. Dal 23 ottobre 2015 al 10 aprile 2016 la Casa dei Carraresi ospiterà la più importante retrospettiva mai realizzata in Italia dedicata al grande Maestro del Cinquecento.


Doménikos Theotokópoulos, nato a Creta nel 1541 quando l’isola era ancora un possedimento della Repubblica di Venezia, è noto al grande pubblico con l’appellativo di El Greco. Un soprannome fortemente evocativo in quanto di espressione italiana che, se da una parte richiama le origini geografiche dell’artista, comunica al tempo stesso un legame forte con il nostro Paese e la cultura che più l’ha plasmato.

La mostra, organizzata da Kornice con la collaborazione di Art for Public e Fondazione Cassamarca, e ospitata presso Casa dei Carraresi, è imperniata proprio sul decennio 1567 - 1576, il periodo che El Greco trascorse in Italia.
A partire dalle carte d’archivio e dai documenti a disposizione, il curatore della mostra, Lionello Puppi, emerito di Ca’ Foscari, con mezzo secolo alle spalle di studi sull’artista e coadiuvato da un comitato scientifico di respiro internazionale composto da eminenti studiosi di prestigiose realtà accademiche, ricostruisce con molteplici spunti inediti il percorso dell’artista durante quel suo soggiorno consumato tra Venezia e Roma.

L’obiettivo della mostra sarà ripercorrere insieme ai visitatori le tappe di un’avventura irripetibile, illustrata attraverso un percorso di opere prodotte dall’artista in Italia e arricchite anche dall’esposizione a confronto di opere dei grandi artisti da lui amati e che hanno influenzato il suo lavoro, tra cui: Tiziano, Tintoretto, Jacopo Bassano, Parmigianino, Correggio, Zuccari.

Un viaggio nel tempo e nello spazio attraverso la progressiva trasformazione dell’artista e il percorso che lo porterà alla creazione di un linguaggio che non ha paragoni possibili e alla realizzazione di capolavori assoluti.
“La genialità de El Greco sta nell’essere riuscito a fondere due culture contrapposte: quella greca ortodossa e quella rinascimentale cattolica romana – afferma Serena Baccaglini, della Università Cattolica di Milano e membro del comitato scientifico della mostra. “Sorprendente è la sua capacità di non negare nessuno dei due linguaggi e riuscire a fonderli insieme in uno stilema originale e unico. È questo che fa de El Greco l’artista eminentemente visionario che sconvolse Manet, Cezanne e Picasso”.

Fonte: Comunicato stampa
I capolavori di El Greco a Treviso: anteprima sulla mostra dei Carraresi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento