Cultura e Spettacoli
stampa

In cammino con Sant'Antonio: le tappe in diocesi

Eventi sulle orme del Santo a 800 anni dalla sua vocazione francescana. Domenica 7  la reliquia antoniana verrà portata a Sarmede (messa delle ore 10) e in duomo a Sacile (messa ore 18.30)

Parole chiave: cammino (59), sant'antonio (33), diocesi (475), treviso (2065)
Tappe del cammino di Sant'Antonio

Passo dopo passo… si torna a casa. Per sant’Antonio, portoghese, giunto rocambolescamente in Italia 800 anni fa, la nuova casa è Padova, nella Basilica che ne custodisce le spoglie mortali: qui arriverà sabato 13 novembre la staffetta di camminatori e pellegrini, dopo aver percorso in sei tappe i 153 chilometri veneti del tracciato nord del “Cammino di sant’Antonio”. La staffetta è stata istituita in occasione delle celebrazioni antoniane per gli 800 anni della vocazione francescana di sant’Antonio, nell’ambito del progetto “Antonio 20-22”.

Un ritorno a casa anche per la reliquia ex ossibus di sant’Antonio che “camminerà” sulle gambe dei pellegrini e verrà consegnata di volta in volta alle comunità cristiane dei paesi di tappa ospitanti, per ripartire il mattino successivo. Come ricorda fra Paolo Floretta, francescano conventuale (OfmConv), coordinatore del progetto “Antonio 20-22”, “c’è libertà di accesso a tutti gli eventi del programma, ma aperta è anche la staffetta. Chi ne ha desiderio può affiancarsi lungo la strada percorrendo insieme 1, 10 o 50 chilometri: per questo rendiamo noti luoghi e orari di partenza”.

Dopo alcuni eventi preparatori a Sacile e Sarmede, località che fanno da cerniera tra Friuli e Veneto, il via del cammino a piedi da Sacile per Vittorio Veneto avverrà lunedì 8, facendo tappa poi a Conegliano (martedì 9), Volpago del Montello (mercoledì 10), Asolo (giovedì 11) e Camposampiero (venerdì 12), con soste ed eventi pure a Castello di Godego e Padova Arcella, prima dell’arrivo sabato 13 alla Basilica del Santo di Padova. A essere attraversati sono i territori di due province (Treviso e Padova) e di tre diocesi (anche Vittorio Veneto). Il tratto Conegliano-Volpago del Montello, attraversando il Piave al Ponte della Priula, rappresenta, rispetto al percorso classico, una nuova deviazione accessibile alle persone con disabilità.

L’iniziativa ha già registrato una bella partecipazione nelle cinque tappe precedenti, quelle che in ottobre con la medesima formula hanno riguardato il Friuli Venezia Giulia, lungo la Pedemontana con partenza da Gemona del Friuli, porta nord del “Cammino di sant’Antonio” in quanto sede della più antica chiesa mai dedicata ad Antonio, e arrivo a Sacile, da dove riprende ora il tratto veneto.

Il programma
Per entrare meglio nel clima degli anniversari antoniani Sacile propone venerdì 5 alle 20.30 a palazzo Carli la serata “Antonio non solo di Padova. Storia spiritualità e cammino”, con fra Paolo Floretta (Ofm Conv) e Alberto Friso;
domenica 7 poi la reliquia antoniana verrà portata a Sarmede (messa delle ore 10) e in Duomo a Sacile (messa ore 18.30).

Lunedì 8 a Vittorio Veneto appuntamento alle 18 alla chiesa di San Francesco dei frati minori con l’Adorazione eucaristica, i vespri e una testimonianza antoniana.
Sempre alle 18.00 martedì 9 dai cappuccini a Conegliano verrà celebrata la messa.

Volpago del Montello mercoledì 10 offre un programma più composito, riservando al pomeriggio i momenti celebrativi religiosi (preghiera antoniana ore 18, cui segue la messa delle 18.30) e alla serata (ore 20.30) la proiezione del docufilm A.D. 1221 il primo cammino di Antonio, in salone Foresti.

I pellegrini in arrivo ad Asolo giovedì 11 (ore 16.30 ca.) alla chiesa di sant’Anna dei frati cappuccini potranno godere dell’accoglienza curata dal Comune, dal Festival del Viaggiatore e dalla Commissione intercomunale sui Sentieri degli Ezzelini, prima dei vespri con testimonianza antoniana delle ore 18.30.

Venerdì 12 giornata molto ricca, con sosta (ore 11 ca.) a Castello di Godego al Sacello di San Pietro, lungo il Sentiero degli Ezzelini, per proseguire poi per Camposampiero dove le clarisse e i frati conventuali dei Santuari Antoniani hanno predisposto un momento processionale di preghiera (ore 17), mentre il Comune insieme alla Pro loco propongono (ore 18.30) in teatro Ferrari la proiezione del docufilm A.D. 1221 il primo cammino di Antonio, presente il regista Michele Carpinetti, introdotto da fra Paolo Floretta.

Chiude il programma sabato 13 con il tradizionale “ultimo cammino” di sant’Antonio da Camposampiero a Padova; il cammino sarà animato da fra Nicola Zuin, responsabile della Casa di spiritualità dei Santuari Antoniani. La sosta alla chiesa di Sant’Antonino all’Arcella (ore 13.30) introdurrà i camminatori all’arrivo in Basilica (ore 15 ca.), dove i presenti potranno usufruire della visita guidata del tempio antoniano a cura di fra Nicola Galiazzo, prima della messa conclusiva delle ore 16.

Riflette fra Paolo Floretta: “Si cammina per allontanarsi o avvicinarsi? Verso l’arrivo o verso un nuovo start? La foce o la sorgente? Nel nostro caso entrambe le risposte sono corrette. Sant’Antonio in questa fine 2021 simbolicamente “arriva” a Padova nell’ottocentenario della sua chiamata francescana e dell’approdo in Italia, ma non certo per fermarsi. Anche Padova è tappa di una ripartenza, perché la sua Basilica è irradiazione di bene in ogni angolo del mondo”.

Il programma veneto si colloca nel contesto del Progetto “Antonio 20-22”, di valorizzazione degli ottocentenari antoniani del triennio: 1220 la vocazione francescana di Antonio, 1221 il suo naufragio in Italia e il primo incontro con san Francesco, 1222 il suo svelarsi al mondo come grande predicatore e santo.
Programma completo e aggiornamenti: www.antonio2022.org.

Tutti i diritti riservati
In cammino con Sant'Antonio: le tappe in diocesi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento