Cultura e Spettacoli
stampa

Tina Anselmi: dalla parte delle donne

La presentazione del volume promosso da Cisl e fondazione Corazzin. Autore e curatore Mauro Pitteri, prefazione di Gian Antonio Stella

Parole chiave: fondazione corazzin (1), tina anselmi (20), donne (91), libro (42), cisl (141), pitteri (1), stella (6)
Tina Anselmi: dalla parte delle donne

E’stato presentato a Roma giovedì 3 marzo, nella sala stampa di palazzo Montecitorio, il nuovo libro “Tina Anselmi per le donne. Attività politica e parlamentare dal 1956 al 1992”, iniziativa di ricerca e progetto editoriale promossi da Cisl Veneto e fondazione Corazzin con l’obiettivo di riscoprire e valorizzare l’intensa, ma poco esplorata, attività politica e parlamentare della deputata veneta per promuovere l’emancipazione femminile.

In occasione della giornata internazionale della donna, il volume è stato presentato dal vicepresidente della Camera dei Deputati Ettore Rosato, insieme a Mauro Pitteri, autore e curatore, Gian Antonio Stella, che ne firma la prefazione, Gianfranco Refosco, segretario generale di Cisl Veneto, e Anna Orsini, presidente di fondazione Corazzin.
La “Tina vagante perché libera”, come Gian Antonio Stella ricorda, veniva appellata Tina Anselmi, torna così a quel palazzo di Montecitorio che frequentò ininterrottamente dal 1968 al 1992, eletta per la Democrazia cristiana nella circoscrizione Venezia-Treviso.

Già autore di “La giovane Tina Anselmi. Dalla Resistenza all’impegno sindacale e politico. 1944-1959”, sempre promosso dalla Cisl regionale veneta, in questo secondo contributo Mauro Pitteri - grazie al suo lavoro di ricerca in vari archivi pubblici e privati - indaga in profondità l’attività della Anselmi a favore dell’emancipazione delle donne, della parità di trattamento nel lavoro e nella società, e dell’equità di genere.

Ne emerge una donna e una politica capace, anche in questo campo, di essere una vera innovatrice, nella legislazione come nella cultura.
Se è nota la sua legge 903 del 1977 sulla parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro, pochi sanno degli altri 474 atti legislativi da lei sottoscritti, delle sue interrogazioni parlamentari, degli interventi nelle conferenze internazionali Onu a Città del Messico e a Nairobi, del costante e stretto rapporto che mantenne con le donne del sindacato con i movimenti femminili e femministi. I suoi primi atti furono a tutela della maternità di tutte le donne, delle casalinghe, del lavoro domestico, delle donne migranti.
Le sue battaglie per la difesa della dignità della donna intesa come persona e quindi le sue proposte di legge contro la violenza sessuale, la sua opposizione, isolata anche nel suo partito, contro l’amnistia per i reati sessuali, la necessità di una efficace educazione sessuale nelle scuole. Temi di strettissima attualità e ancora alla ricerca di una soddisfacente legislazione.

Gian Antonio Stella, indicando nel volume un utile contributo per ripercorrere una formidabile vicenda umana, politica e sindacale, tra l’altro, ripropone alcuni passaggi di una sua intervista a Tina Anselmi: “La mia generazione è stata una generazione che ha bruciato secoli di storia perché siamo andate a fare le partigiane e certo non era questo ruolo nella vocazione di mia madre o di mia nonna; ma i fatti ci hanno portato a fare pure un’attività di guerra. Pur avendo io fatto la guerra, fatto esplodere micce e così via, penso che il mio ingresso paritario nella società non sia stato ottimale perché è avvenuto per questa strada, né auguro che altri debbano seguirla”. E’ possibile richiedere il volume direttamente alla fondazione Corazzin, info@fondazionecorazzin.it o a Cisl Veneto scrivendo a usr.veneto@cisl.it.

Tutti i diritti riservati
Tina Anselmi: dalla parte delle donne
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento