Dossier
stampa

Primo maggio: solo la crescita può rilanciare l'occupazione

Focus della Fondazione Nordest. In cinque anni persi oltre 100mila dipendenti nell’industria, soprattutto tra manifatturiero e costruzioni. Ecco come ripartire.

Parole chiave: crescita (10), lavoro (241), fondazione nordest (3), occupazione (26)
Primo maggio: solo la crescita può rilanciare l'occupazione

La crisi che negli ultimi cinque anni ha cambiato radicalmente il panorama economico mondiale, ha presentato al Nord Est un conto particolarmente salato: oltre 100mila posizioni da dipendente sono state “bruciate” tra il 2008 e il 2012 manifattura e costruzioni. In termini occupazionali il Nord Est sta vivendo la fase più critica del suo periodo recente. Emergono primi segnali di sviluppo ancora però troppo deboli. È uno scenario di forte discontinuità quello emerso dal focus che Fondazione Nord Est ha dedicato al mercato del lavoro in vista della giornata del 1° Maggio.

L’ex “locomotiva” d’Italia ha perso i pezzi nei comparti che in passato erano stati fortemente trainanti, con -28.000 (-18,7%) dipendenti nelle costruzioni e -75.500 (-10,6%) nel manifatturiero. L’impatto della crisi si è tradotto dal punto di vista delle posizioni professionali in una progressiva riduzione della richiesta di figure operaie (-65.000 il saldo tra assunzioni e cessazioni tra il 2009 e il 2013) di cui il manifatturiero emerso dalla crisi non avrà più bisogno.

La discontinuità si conferma nella crescita di occupazione registrata nel settore dei servizi per le imprese mirati all’internazionalizzazione, alla comunicazione e alla trasformazione digitale (+6.500 dipendenti), indispensabili alla ristrutturazione del manifatturiero. Sono cresciute così anche le opportunità per le posizioni a maggior valore aggiunto, indispensabili nei settori emergenti, e per le professioni qualificate dei servizi (alberghi e ristorazione) che hanno registrato una crescita nel quinquennio della crisi (+3.255 il saldo occupazionale).  Alberghi e ristorazione, infatti, hanno mostrato nel Nord Est una crescita di 15.000 dipendenti (+11,2%), più contenuta rispetto ad altre macroaree del Paese e dunque potenzialmente incrementabile per un territorio turisticamente favorito  dal punto di vista naturale e culturale qual è il Nord Est.

«L’unico vero obiettivo che ci si deve porre è la crescita - ha spiegato il presidente della Fondazione Francesco Peghin -. Solo focalizzando gli sforzi su una nuova traiettoria di politica economica che ponga al centro lo sviluppo si potrà creare nuovo lavoro». Il confronto su scala continentale indica la strada: «Mentre il Nord Est e la Cataluña perdono occupati, il Rhône Alpes recupera la caduta del 2009 e in Germania Baden Württemberg e Bayern crescono.

 

Il dramma della disoccupazione giovanile

 Da alcuni anni, il Nord Est non è più sinonimo di dinamiche in positivo. Anzi, uno sguardo ai dati di lungo periodo riferiti al mercato del lavoro rivela che questo territorio sta vivendo la fase forse più critica del suo periodo recente: nella fascia d’età 15-24 anni, ad esempio, la disoccupazione giovanile nel complesso delle regioni nordestine ha toccato il 23,5%, il 9,8% in quella 25-34 anni.

Pur nel contesto della crisi, stanno emergendo segnali importanti per un nuovo orizzonte di crescita occupazionale che raccontano di nuove imprese, nuovi settori e nuove professioni. “Le imprese che nel 2013 hanno creato nuova occupazione sono in particolare quelle che operano con i mercati internazionali. L'internazionalizzazione diventa così veicolo per la creazione di nuovi posti di lavoro che saranno rivolti a nuovi profili professionali qualificati – ha spiegato il direttore scientifico di Fondazione Nord Est, Stefano Micelli -. Tra i settori in crescita spiccano quelli del Made in Italy: la concia, l'oreficeria, la meccanica strumentale, il design. Un altro comparto in crescita è quello dell'agroindustria, in cui il caso del vino rappresenta l'emblema della capacità di far crescere - attraverso la cultura, le tecnologie, la comunicazione, il rapporto con il territorio, oltre a nuove forme e luoghi di lavoro - il valore dei prodotti realizzati creando così anche nuove opportunità di occupazione qualificata”.

Fonte: Comunicato stampa
Primo maggio: solo la crescita può rilanciare l'occupazione
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento