Ascanio Celestini e le sue storie alla filanda di Salzano

stampa
Parole chiave: Ascanio Celestini (1), Fili (12), Echidna (2), Salzano (45)

Ascanio Celestini, attore e autore, regista, sarà ospite della 12ª edizione di Fili (filanda, ideel lavoro, identità), nella corte dell'antica fabbrica della seta a Salzano. Per Celestini è un ritorno, visto che proprio nella prima edizione di Fili, nel 2003, era stato ospite a Salzano per un progetto sulla memoria, e aveva raccolto le testimonianze e le storie delle filandine. Ora porta “Racconti - Il piccolo paese" e sarà in scena con il musicista Gianluca Casadei martedì 22 luglio alle ore 21.15. La rassegna, che comprende anche la serata del 25 luglio con Bruno Stori e “I grandi dittatori", fa parte del progetto A Utopie 2014/2015 con l'edizione estiva e comprende anche la prossima edizione di Spineasogna 2014. Fili è promosso dal Comune di Salzano, dalla Regione del Veneto, in partnership con la Fondazione di comunità Riviera del Brenta - Miranese, con la partecipazione della Provincia di Venezia e il sostegno di soggetti privati del territorio.

Biglietti: 15 euro interi, 12 ridotti. Per info e prenotazioni: 041412500, 3409446568, www.echidnacultura.it. In caso di maltempo lo spettacolo si terrà presso il cinema-teatro di Robegano (di fianco alla chiesa), a due chilometri da Salzano, in direzione Scorzè.

“Nei miei racconti cerco di mettere insieme le parole e non i fatti. Certe volte non accade niente. Un meccanismo che si inceppa è l’unico avvenimento. Spesso i personaggi non hanno nome e le relazioni arrivano quasi ad azzerarsi. Ci sono le parole che diventano semplici come rotelle di un ingranaggio, come chiodi che tengono insieme dei pezzi di legno. I racconti del Piccolo Paese sono micro storie che iniziano e finiscono in pochi minuti, una specie di concept album dove canzoni diverse raccontano un unico luogo. Qualcuna proviene dalla tradizione popolare, ma tutte hanno in comune l’improvvisazione. Salgo in scena senza copione e scaletta" (Ascanio Celestini)