Concerto dell'Assunta a Treviso

stampa

Il concerto lirico dell’Assunta, divenuto ormai un appuntamento fisso per i trevigiani nella sera di Ferragosto, è  nato da un’idea del compianto tenore Mario del Monaco, che quest’anno in particolare verrà ricordato in previsione del centenario dalla sua nascita (Firenze, 1915) e nel trentennale dalla scomparsa del fratello, il maestro Marcello Del Monaco.

Sarà immancabile la presenza dell’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta che, guidata dal direttore Stefano Romani, con solisti d’eccezione, quali il soprano Maddalena Calderoni e il tenore Luis Chapa, oltre alla partecipazione speciale del tenore Nicola Martinucci, presenterà un programma capace di lasciare a bocca aperta sotto al cielo stellato, oltre 1500 spettatori. In repertorio si alterneranno opere di G. Verdi, da Nabucco Ouverture, da La Forza del destino “Pace mio Dio” e “Ouverture”, da Trovatore “Ah si bel mio-di quella pira”, di U. Giordano da Fedora “Amor ti Vieta”, di G. Puccini da Manon “Sola perduta e abbandonata”, da Tosca “E lucean le stelle” e “Mario-Mario”, da Turandot “In questa reggia” e di P. Mascagni da Cavalleria Rusticana Intermezzo e il duetto “Tu qui Santuzza”.

Durante la serata verrà presentato, inoltre, il volume “Marcello Del Monaco: il maestro dei tenori” edizioni Diastema, curato da Donella Del Monaco ed Elena Filini. Il concerto, nella piazza del santuario di Santa Maria Maggiore (Madona Granda) è ad ingresso libero ed inizierà alle ore 21.00.