Dies Academicus della Facoltà Teologica del Triveneto

stampa

Cristianesimo e ordine economico globale. La dottrina sociale della Chiesa con particolare riferimento al magistero di papa Francesco. Prolusione del prof. Stefano Zamagni, martedì 18 febbraio, ore 10

«L’anno accademico che andiamo a inaugurare – spiega il preside, prof. Roberto Tommasi – ha sullo sfondo due grandi istanze: la crisi economica che  investe la vita delle persone e la novità dell’approccio alla fede e al messaggio del vangelo portata da papa Francesco. Ciò stimola la teologia a confrontarsi con le situazioni e i problemi reali, spinge a essere attenti alle periferie esistenziali, a prenderci a cuore la vita buona dell’uomo e di tutti gli uomini. Il tema della prolusione richiama proprio l’impegno della Facoltà a interrogarsi sul rapporto tra la fede cristiana e l’ordine economico globale, a capire se e come l’ordine economico del mondo possa essere non un mondo a sé, un’organizzazione che persegue il proprio fine, ma piuttosto un ordine, una “oiconomia” che, pur nella propria specificità e legittima autonomia, possa avere a cuore la sopravvivenza con dignità dell’uomo e dell’ambiente».
Il Dies Academicus inizierà alle ore 10 con il saluto di S.E. mons. Antonio Mattiazzo, vescovo di Padova e Vice Gran Cancelliere della Facoltà; seguiranno gli interventi di S.E. mons. Francesco Moraglia, patriarca di Venezia e Gran Cancelliere della Facoltà, e del preside della Facoltà, mons. Roberto Tommasi, che presenterà la relazione sulla vita accademica.
Alle ore 10.45 la prolusione del prof. Stefano Zamagni: Cristianesimo e ordine economico globale. La dottrina sociale della Chiesa con particolare riferimento al magistero di papa Francesco.
Al termine, momento musicale con l’Orchestra sperimentale diretta da Federico Marchionda.
La conclusione è prevista per le ore 12.15.