Teatro tra i borghi

stampa

Centorizzonti, teatro, storie e poesie tra i borghi di Borso del Grappa. Domenica 7 giugno per Centorizzonti, in scena Teatro tra i borghi: un viaggio insolito che prende le mosse alle ore 16 dalla piazzetta del Municipio, dove Susi Danesin e Gaetano Ruocco Guadagno, della compagnia teatrale veneziana Il Libro con gli stivali, mettono in scena Giufà e altre storie, spettacolo di narrazione che attinge ai racconti orali della tradizione popolare, per poi rimaneggiarli, smontarli e rimontarli, tradurli e reinventarli attraverso immagini variegate, fatte di lupi, giganti, strani animali parlanti, a metà tra realtà e finzione, poiché "la verità non sta nel racconto, ma nel bisogno di raccontarlo".

Alle 17.15 l’appuntamento è alla fontana lavatoio del borgo di Cassanego, un luogo da fiaba dove, in un clima intimo e raccolto, Roberta Biagiarelli dipanerà con Ghiande, tratto dal libro L’uomo che piantava gli alberi di Jean Giono, la “poesia” della vita di Elzeard Bouffier, l’ostinato pastore che ha dedicato gli ultimi anni della sua vita a piantare alberi in una zona desolata e minacciata dalle opere degli uomini.
 
E dopo essersi abbeverati alla fontana del racconto della Biagiarelli, ecco alle 18.30 una proposta di RistorAzione dello spirito, con La Cameriera di Poesia di Claudia Fabris, in scena all’Agriturismo Da Andreina di S. Eulalia. Una proposta che rappresenta l’approdo ideale del viaggio fra fiaba e poesia di Teatro tra i borghi: i commensali, dotati di cuffie, ascolteranno uno speciale menù di storie e poesie preparato con cura e “servito” dalla cameriera-attrice, nutrendosi dei suoi racconti.
L’originale modalità di partecipazione (in cuffia, pur in presenza della voce narrante) consente di fare «esperienza in modo nuovo della parola nuda, senza alcun tappeto musicale, un’esperienza intima di ascolto e abbandono in genere accolta con grande stupore», racconta la Fabris. Nel menù “cucinato” appositamente per Centorizzonti intreccerà i suoi testi originali a testi più classici, fino ai contemporanei, per arrivare a un “dessert” cantato e concludere con un estratto del vocabolario poetico: un piccolo e delizioso assaggio del lavoro con le parole e la loro capacità evocativa, che l’attrice padovana ha avviato con il progetto Parole sotto sale.
E per finire, dopo il cibo per lo spirito, ecco la cena a base di Bisi di Borso, con un menù a km zero proposto dall’Agriturismo Da Andreina (cena a buffet – costo 15€ prenotazione obbligatoria tel 041412500).
In caso di maltempo Giufà e Ghiande si svolgeranno all’interno del Municipio, La cameriera all’interno dell’Agriturismo. Si consiglia di raggiungere i luoghi in auto o in bicicletta, facendo attenzione agli orari.
Biglietto unico: 5 euro fino a 13 anni - 11 euro (ridotti e residenti nei Comuni della rete)  - 13 euro interi
Prevendite: Asolo: Fornace sabato mattina – IAT giovedì mattina, sabato pomeriggio
Prenotazioni : Echidna - Tel. 041412500 - 3409446568; www.echidnacultura.it  
Ufficio stampa: Frontiere - Tel. 0423 614209  - cell. 338 8670108 - press@frontiereprogetti.com