Italia

Sono giorni di frenetiche trattative, quelli che si susseguono in questi giorni in Parlamento, soprattutto al Senato, dove il disegno di legge Cirinnà approderà il prossimo 28 gennaio. Gli on. Rubinato e Preziosi spiega la posizione di 37 deputati del Pd. scconi (Ncd): "Su questi temi non c'è mediazione".

Sono circa 1 milione e 700mila le persone di religione musulmana (compresi gli irregolari, i minori e i neonati), meno di un terzo del totale degli oltre 5 milioni di stranieri in Italia. Alcuni osservatori pensano che nel 2030 potrebbero diventare circa il 5% della popolazione italiana. Gli scenari futuri ipotizzati dal Pew Research center (Usa) prevedono nel 2050 un aumento dell'incidenza nell'Ue non superiore al 10%.

La misura “straordinaria” servirebbe ad arginare il crescente flusso. Forti (Caritas): “Possibile che gli arrivi siano 300-400, la pressione è forte per effetto dei ‘vasi comunicanti’. Ma chiudere le frontiere è misura da stigmatizzare, inefficace e rischiosa: mette in crisi i principi dell’Unione e sposta migranti su rotte più pericolose”.

Il Capo dello Stato nel suo primo messaggio di fine anno agli italiani ha deciso di non parlare in politichese, ma ha scelto un taglio sociale. Meglio, antropologico. Invitando alla speranza. La riflessione del direttore dell'agenzia Sir, Domenico Delle Foglie

 "Io prendo in considerazione l'ipotesi che su alcune partite si puo' perdere consenso. Sull'immigrazione abbiamo perso consensi, ma e' una posizione umana e giusta, non la cambierei". Lo dice il premier, rispondendo alle domande nel corso della conferenza stampa di fine anno.

"Il ruolo nuovo della Chiesa e, in particolare, di Papa Francesco possono suscitare grande consenso esteriore senza modificare le coscienze. La religione ‘fai-da-te’ è figlia della multi-appartenenza delle persone: la fede è una parte dell’identità ma non è quella che conforma i comportamenti". È uno dei temi affrontati nel dialogo con Nando Pagnoncelli, presidente dell’Istituto di ricerche di mercato e sondaggi d’opinione “Ipsos” e docente all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Il documento di finanza pubblica che ieri ha ottenuto il via libera definitivo dal Senato, contiene diverse misure, indirette o dirette, a favore della famiglia. Sulla loro efficacia abbiamo raccolto il parere di Gianni Bottalico (Acli), Carlo Costalli (Mcl) e Gianluigi De Palo (Forum delle associazioni familiari).

Il testo è stato approvato in tempo utile per l’entrata in vigore con l’arrivo del nuovo anno. Povertà, disabilità, famiglia sono i temi che - sul versante degli interventi di politiche sociali -  qualificano il provvedimento.

Il salvataggio di Banca Marche, CariFerrara, CariChieti e Banca Etruria "è stato provvidenziale", afferma l'economista Leonardo Becchetti, "perché ha evitato che possessori di obbligazioni ordinarie e correntisti per la quota di deposito superiore ai 100mila euro fossero coinvolti". Gli errori di chi nelle banche ha venduto le obbligazioni subordinate e di chi le ha comprate senza diversificare i propri risparmi.

Oltre 200 personalità del mondo femminista, della cultura, dell'arte, del cinema, della letteratura e del sociale hanno preso posizione con un manifesto. "Noi rifiutiamo di considerare la 'maternità surrogata' un atto di libertà o di amore – si legge nel testo -. In Italia è vietata, ma nel mondo in cui viviamo l’altrove è qui: 'committenti' italiani possono trovare in altri paesi una donna che 'porti' un figlio per loro". 

Il 49° Rapporto  sulla situazione sociale del Paese/2015 delinea una situazione di "profonda debolezza antropologica, un letargo esistenziale collettivo. Per fortuna che c'è l'X factor: "La innovata ibridazione di settori e competenze tradizionali che produce un nuovo stile italiano".

Marco Parma, dirigente scolastico a Rozzano, ha cancellato la festa di Natale a scuola. Polemiche anche a Ponzano Veneto, dopo la scelta dei genitori di fare comunque la recita natalizia alle elementari di Merlengo dopo il no della dirigente. Numerose le reazioni, a cominciare dal segretario Cei Galantino.

Sono stati 502.596 i bambini nati in Italia nel 2014, quasi 12mila in meno dell’anno precedente. Sono i dati diffusi oggi dall’Istat nel report “Natalità e fecondità della popolazione residente”.

In occasione della Giornata internazionale dell’infanzia e dell’adolescenza (20 novembre), Save the children ha diffuso il VI Atlante dell’infanzia (a rischio) in Italia, “Bambini senza. Origini e coordinate delle povertà minorili”. Ecco i motivi dell'allarme.

Ha suscitato molta sorpresa la notizia che all’interno della “legge di stabilità” presentata nei giorni scorsi dal Governo sia prevista l’apertura di 22mila altre sale gioco. Giustamente ci si domanda se ce ne fosse bisogno, visto che da noi funzionano già centinaia di migliaia di "macchinette".

“Su una cosa non si può discutere: l’impianto della proposta Cirinnà sulle unioni civili ha diviso il Paese”. Lo sostiene in una nota il Forum nazionale delle associazioni famigliari, commentando l'accelerazione dell'iter parlamentare della legge.

L’addio al “bicameralismo perfetto” o “paritario” rappresenta il vero stacco rispetto alle scelte dei Costituenti. Il tutto in nome di una governabilità accelerata richiesta dai tempi. Non meno significative le altre modifiche, a partire dalle modalità di elezione e dal referendum propositivo.

La ricerca Caritas "Liberi tutti! Salute mentale: non gabbie ma dignità per i malati" è stata resa nota per il 10 ottobre, Giornata mondiale della salute mentale. In Italia riflettori puntati su depressione, schizofrenia, disturbo bipolare e abuso di alcol.

Previsto un nuovo istituto giuridico di diritto pubblico con specifici diritti sociali. Tra questi la responsabilità genitoriale e adottabilità sul figlio anche naturale di uno dei partner della coppia omosessuale e la reversibilità della pensione.

Il rapporto “Italiani nel Mondo” della Fondazione Migrantes evidenzia cinque milioni di connazionali residenti all’estero, 101.000 emigrati solo lo scorso anno. Capitale umano che se ne va e del quale la politica non sembra occuparsi.

I controlli delle emissioni delle automobili in Italia sono obbligatori dopo 4 anni per l’auto nuova e poi ogni 2 anni. In provincia di Treviso l’efficienza ecologica e la sicurezza stradale dei veicoli viene garantita da 155 centri revisione autorizzati. Da quest’anno,nuove strumentazioni, software  e procedure  molto restrittive rispetto alle precedenti.

Oltre 300 i formaggi attesi a Villa Contarini di Piazzola sul Brenta il 26 e 27 settembre  per il concorso che assegnerà le medaglie d’oro per ciascuna delle 38 categorie. Sarà la giuria tecnica nominata da Veneto Agricoltura e formata da una pattuglia di oltre 70 esperti assaggiatori Onaf a decretare i premi.