Italia
stampa

Case di riposo, la Cgil di Treviso chiede una task force che metta in sicurezza il sistema

“Le Ipab del nostro territorio sono parte integrante e fondamentale del nostro sistema socio sanitario regionale. Per fare fronte all’emergenza e contenere il diffondersi dei contagi bisogna creare un fronte comune, intensificare le sinergie di sistema", sostiene il sindacato.

Parole chiave: case di riposo (32), casa di riposo (39), cgil (48), coronavirus (856)
Case di riposo, la Cgil di Treviso chiede una task force che metta in sicurezza il sistema

“Le Ipab del nostro territorio sono parte integrante e fondamentale del nostro sistema socio sanitario regionale. Per fare fronte all’emergenza e contenere il diffondersi dei contagi bisogna creare un fronte comune, intensificare le sinergie di sistema, uniti e consapevoli che questo è il momento delle soluzioni in emergenza e non delle polemiche”. A dirlo a gran voce sono i Segretari generali di Spi e Fp Cgil di Treviso, rispettivamente Paolino Barbiero e Ivan Bernini.

“Per questo chiediamo la costituzione immediata di una task forse tra Ulss 2, coordinamenti distrettuali dei Centri di Servizi, Conferenza dei sindaci e di distretto, Sindacati, al fine di monitorare la situazione, e la sua gravità, adoperandosi subito per prendere in carico le criticità e gettare le basi delle azioni da metter in campo nei prossimi giorni per contenere il contagio, tutelare la vita degli ospiti e la salute dei lavoratori, nonché delle loro famiglie – chiedono i vertici di Spi Cgil e Fp Cgil trevigiani”.

“Serpeggia sempre più forte quella che non è più solo una preoccupazione ma una vera angoscia: le direzioni degli istituti residenziali della Marca sono in evidente difficoltà, e non sempre sono nelle condizioni di osservare le disposizioni individuate dalle direttive regionali. Non tutte, infatti, pensiamo a quelle di minori dimensioni, hanno la possibilità di creare delle zone di isolamento secondo criteri di sicurezza e di raccomandazione. Inoltre – aggiungono i sindacalisti –, diverse realtà in questi giorni si trovano già a fare i conti con la riduzione degli organici in conseguenza a malattie, agli isolamenti domiciliari fiduciari per potenziale contatto col virus, oltre che del passaggio di personale alle Ulss, a seguito della vincita dei concorsi”.

“Quello che serve è un vero e proprio piano d’attacco, un protocollo condiviso che contempli la garanzia della salute degli ospiti, le necessità di lavorare in sicurezza del personale, con tutti i dispositivi del caso. Dobbiamo assicurarci che il sistema non collassi – affermano Barbiero e Bernini –, che le strutture reggano all’eventuale urto. La task forse è indispensabile per mettere a fuoco la situazione e trovare la strada da percorrere, sia questa la creazione di strutture ad hoc, Covid dedicate, come è stato fatto nella Sanità, sia la possibilità di trovare soluzioni rispetto al reclutamento di personale. Quest’ultima anche siglando convenzioni di urgenza con il mondo cooperativo, incentivando i lavoratori a mettersi a disposizione attraverso integrazioni salariali di parificazione ai contratti in uso in queste strutture. Mai come oggi – sottolineano richiamando le Istituzioni dalla Cgil – serve massima collaborazione tra Regione, Comuni, Ulss e Sindacato nell’affrontare una situazione straordinaria che non ha precedenti”.

Fonte: Comunicato stampa
Tutti i diritti riservati
Case di riposo, la Cgil di Treviso chiede una task force che metta in sicurezza il sistema
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento