Italia
stampa

Conte: "Tutti fermi fino al 3 maggio"

“Proroghiamo le misure restrittive fino al 3 maggio, un decisione difficile ma necessaria di cui mi assume tutta la responsabilità politica. Dobbiamo mantenere alta la soglia d’attenzione, anche adesso che siamo prossimi alla Pasqua, e poi per il 25 aprile e il primo maggio. Siamo tutti impazienti di ripartire, l’auspicio è che dopo il 3 maggio si possa ripartire con cautela e qualche gradualità", ha detto i premier.

Parole chiave: giuseppe conte (38), governo (271), coronavirus (936)
Conte: "Tutti fermi fino al 3 maggio"

“Proroghiamo le misure restrittive fino al 3 maggio, un decisione difficile ma necessaria di cui mi assume tutta la responsabilita’ politica. Dobbiamo mantenere alta la soglia d’attenzione, anche adesso che siamo prossimi alla Pasqua, e poi per il 25 aprile e il primo maggio. Siamo tutti impazienti di ripartire, l’auspicio e’ che dopo il 3 maggio si possa ripartire con cautela e qualche gradualita’. Il risultato positivo dipende dal nostro comportamento, dobbiamo rispettare le regole anche in questi giorni di festa”. Cosi’ il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, annuncia in conferenza stampa la proroga delle misure di contenimento fino al 3 maggio.

Le misure decise dal governo “stanno funzionando e dando frutti. L’Italia si sta dimostrando un esempio, anche per altri Paesi, nelle misure per tutelare la salute. Non possiamo vanificare gli sforzi, se cedessimo adesso tutti i risultati potremmo perderli e sarebbe una grande frustrazione per tutti, dovremmo ripartire da capo con un aumento dei decessi”.

“La proroga che oggi disponiamo col nuovo Dpcm fino al 3 maggio, che ho appena firmato, vale anche per quasi tutte le attivita’ produttive, continuiamo a mettere la tutela della salute al primo posto ma ponderiamo anche gli interessi in campo tenendo conto della tenuta socioeconomica”.

“Sulle attivita’ produttive c’e’ una piccola variazione: da martedi’ 14 aprile riapriamo le cartolibrerie, le librerie, i negozi per neonati e bambini. Apriamo con ponderazione anche la silvicultura e le attivita’ forestali”.

“La nostra determinazione e’ allentare le misure per le attivita’ produttive per fare ripartire quanto prima il motore. Non siamo pero’ ancora nella condizione per poter ripartire a pieno regime. Quello che posso promettere e’ che se prima del 3 maggio si dovessero verificare le condizioni cercheremo di provvedere di conseguenza”. “Il lavoro per la fase 2 e’ gia partito, non possiamo aspettare che virus scompaia del tutto dal nostro territorio. Per questa nuova fase ci avvarremo del contributo di esperti, sociologici, psicologici, esperti del lavoro, manager che dialogheranno con il Cts”, ha proseguito il premier.

Poi, le parole sull'Europa: “Io non firmero’ sino a quando non avro’ un ventaglio di strumenti adeguato alla sfida che stiamo vivendo. Una sfida che riguarda tutta l’Europa. Sono convinto che con la forza della ragione riusciremo a convincere tutti che questo e’ l’unico percorso che consente all’Europa di ripartire”. L’Europa "sta affrontando una situazione mai vista in tempi di pace, saranno necessari almeno 1.500 miliardi di euro per fronteggiare questa emergenza europea. Il ministro Gualtieri ieri ha fatto un gran lavoro, ma e’ un primo passo che l’Italia giudica ancora insufficiente, occorre lavorare ancora per costruire qualcosa di piu’ ambizioso. Serve un fondo disponibile subito, finanziato con una vera e propria condivisioni economica dello sforzo, con i famosi eurobond”.

“L’Italia non ha firmato alcuna attivazione del Mes, non ha bisogno del Mes perche’ strumento inadeguato e inadatto per questa emergenza”, ha detto Conte.

“L’eurogruppo non ha firmato nulla e istituto nessun obbligo, e’ una menzogna questa. Sul Mes vedo che in Italia sin da questa notte si e’ levato un dibattito legittimo e molto vivace. Il Mes e’ stato approvato nel 2012, l’Italia non ha firmato alcuna attivazione del Mes, non ha bisogno del Mes, uno strumento inadeguato e inadatto all’emergenza che stiamo vivendo. Dire il contrario, come stanno facendo da ieri sera irresponsabilmente, Matteo Salvini e Giorgia Meloni e’ una menzogna, non e’ cosi’. Questo governo non lavora col favore delle tenebre, ma guarda in faccia gli italiani. Falsita’ e menzogne ci fanno male, perche’ ci indeboliscono nella trattativa. Avevo fatto un appello alle opposizioni, ma quello che e’ successo stanotte rischiano di indebolire non il premier Giuseppe Conte o il governo, ma l’intera Italia",

Fonte: Dire
Conte: "Tutti fermi fino al 3 maggio"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento