Italia
stampa

Coronavirus: anche le donazioni a parrocchie e diocesi sono detraibili dai redditi

Finora parrocchie e diocesi erano escluse. Si tratta di donazioni in denaro o in natura

Coronavirus: anche le donazioni a parrocchie e diocesi sono detraibili dai redditi

Nella conversione in Legge del DL 18/2020 "Cura Italia", all'articolo 66, è stato esteso il beneficio fiscale per le donazioni, finalizzate a finanziare interventi di contenimento e gestione dell'emergenza Covid-19, effettuate anche a favore di Enti religiosi civilmente riconosciuti. Quindi, anche le donazioni a parrocchie e all'Ente Diocesi, che finora erano escluse dalle detrazioni, ora, per questa emergenza, rientrano. Parliamo di donazioni in denaro, ma anche in natura, effettuate in questo 2020 da persone fisiche o enti non commerciali. La detrazione riguarda l'imposta sul reddito, pari al 30%, per un importo non superiore a 30 mila euro. 

Coronavirus: anche le donazioni a parrocchie e diocesi sono detraibili dai redditi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento