Italia
stampa

Dissesto idrogeologico: Zaia chiede a Renzi 2,8 miliari di euro per le opere di messa in sicurezza

Per il territorio veneto servono ancora 2,8 miliardi di euro, e il presidente della Regione Zaia li chiede al Governo. Presentato stamattina a Venezia un dettagliato dossier: "I progetti ce li abbiamo e ci candidiamo come laboratorio di virtuosità per le opere idrauliche a difesa del territorio"

Dissesto idrogeologico: Zaia chiede a Renzi 2,8 miliari di euro per le opere di messa in sicurezza

Renzi ci dia i due miliardi che ha disponibili per le opere di riequilibrio idro-geologico. E lo faccia, privilegiando il Veneto, perché il Veneto è virtuoso: ha già pronti, cantierabili domani, interventi per  600 milioni. E altri 820 milioni di euro possono essere spendibili dopodomani, visto che le relative opere sono in fase di progettazione.
Lo ha detto stamattina il presidente della Regione, Luca Zaia, presentando l'“incursione” nel portafogli del Governo: «Renzi – spiega Zaia – ha detto più volte, anche a me personalmente quando l'ho incontrato, che i due miliardi ci sono. E che sono pronti per essere spesi. Il Veneto è pronto a riceverli anche tutti».
E non è arroganza, chiarisce il presidente della Giunta regionale: «E' che, in questi ultimi quattro anni, grazie anche ai suggerimenti del prof. Luigi D'Alpaos, abbiamo preparato studi e progetti, facendo tutte le procedure. E adesso siamo in grado di partire subito con gli interventi. Per questo il criterio per l'attribuzione dei soldi dev'essere l'immediata cantierabilità. Noi, in questo, ci siamo. Se ci sono altre regioni, vedremo: scopriamo tutti le carte e chi è già pronto si prende i soldi».
Zaia ha già inoltrato la richiesta di finanziamenti al presidente del Consiglio e ai ministri competenti: «Renzi mi ha già detto, a voce, la disponibilità a sostenerci – prosegue il presidente del Veneto – e adesso vogliamo vedere se trasforma quelle parole in fatti».
La stessa lettera è già stata inviata anche a istituzioni e partiti (tutti) del Veneto: «Dobbiamo fare lobby, in questo sì imparando dal Meridione d'Italia che si schiera compatto quando c'è da decidere qualcosa riguardo ad una regione. Da Meridione, invece, non abbiamo niente da imparare pensando a Pompei, dove ci sono cento e più milioni disponibili e non si sa come spenderli. Il Veneto non è Pompei».

Dissesto idrogeologico: Zaia chiede a Renzi 2,8 miliari di euro per le opere di messa in sicurezza
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento