Italia
stampa

Il sottosegretario Variati: "Sconfiggere il virus priorità assoluta. Vicenda dimostra il fallimento del sovranismo"

"Una grande operazione di rilancio ci aspetta, ma prima bisogna sconfiggere il virus. Sono convinto che questa vicenda ci farà fare un passo avanti, ci restituirà una comunità coesa”, dice l'ex sindaco di Vicenza.

Parole chiave: decreto governo (3), coronavirus (936), achille variati (5), governo conte (75), luca zaia (157)
Il sottosegretario Variati: "Sconfiggere il virus priorità assoluta. Vicenda dimostra il fallimento del sovranismo"

“La vita viene prima degli interessi economici. E, in ogni caso, anche questi, uniti alla necessaria ripresa, dipendono da una cosa sola: la sconfitta del virus”. Il sottosegretario all’Interno Achille Variati, intervistato mentre è già presa la decisione di un nuovo decreto, conferma che il Governo è pronto a tutto per arrivare a questo obiettivo. La serrata generale del commercio, del resto, era in pratica già quasi una realtà, ancora prima di un provvedimento ad hoc. “Confermo l’invito principale - che è rivolto a tutti -. State a casa, il senso di responsabilità personale, che diventa responsabilità collettiva, è l’unica arma contro un virus sconosciuto, per il quale non esistono vaccini, farmaci. La sola strada è bloccarne la diffusione con comportamenti virtuosi”.

Variati sottolinea, poi, il nuovo decreto del Governo varato mercoledì: “Abbiamo stanziato 25 miliardi di euro, 3 dei quali solo per la sanità. Altri ne seguiranno, per favorire gli ammortizzatori sociali, per aiutare l’economia, le partite iva, i commercianti. Una grande operazione di rilancio ci aspetta, ma prima bisogna sconfiggere il virus. Sono convinto che questa vicenda ci farà fare un passo avanti, ci restituirà una comunità coesa”.

Ed esclude una cosa, nel caso di provvedimenti ancora più restrittivi, che ci sia bisogno del controllo dell’Esercito: “Qui non ci sono problemi di ordine pubblico, eccezione fatta per le carceri, dove questa protesta ha ancora contorni indefiniti, con il sospetto di infiltrazioni della criminalità organizzata”.

Rispetto a qualche differenza di vedute con il presidente del Veneto Luca Zaia, Variati ritiene che “ci sia collaborazione”, ma non rinuncia a una riflessione: “Al presidente Zaia, in questa vicenda, ho sempre consigliato molta prudenza. Vede, una cosa è certa: questa non è un’emergenza che si risolve in Veneto, è qualcosa di più importante. Dico di più. In questa vicenda è entrata in crisi l’idea stessa di sovranismo, il fatto che ognuno basti a se stesso. Succede una cosa in un Paese lontanissimo e tutti ci sentiamo più piccoli, e bisognosi gli uni degli altri. Ecco, mi permetto di dire che in qualche momento Zaia ha dato l’impressione di non essere sintonizzato su questo nuovo scenario”.

Tuttavia, gli facciamo notare, pure il Governo in questi giorni non sempre ha dato l’impressione di comunicare in modo tempestivo e univoco: “Se posso fare un’autocritica, il Governo deve comunicare meglio e con tempestività. L’ho appreso anche nelle crisi che ho vissuto da sindaco di Vicenza, come l’alluvione. La comunicazione dev’essere tempestiva e univoca. Se poi si riferisce alla fuga di notizie dello scorso fine settimana, dico che è stata una cosa gravissima, della quale il Governo è stato vittima. Infatti, non poteva controbattere, essendo in corso le valutazioni degli esperti”.

Tutti i diritti riservati
Il sottosegretario Variati: "Sconfiggere il virus priorità assoluta. Vicenda dimostra il fallimento del sovranismo"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento