Italia
stampa

Nuovo Dpcm, un Paese in "fasce"

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo Dpcm entrato in vigore il 5 novembre e valido fino al 3 dicembre. L’Italia è stata divisa in 3 zone, sulla base di 21 parametri (sintomatici, ricoveri, ricoveri nelle Rsa, occupazione dei posti letto sulla base delle effettive possibilità, ...) che contemplano 3 scenari diversi: Misure per tutti (zona Gialla); Elevata gravità (zona Arancione); Massima gravità (zona Rossa).

Parole chiave: dpcm (10), governo conte (75), covid-19 (323), coronavirus (936)
Nuovo Dpcm, un Paese in "fasce"

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo Dpcm entrato in vigore il 5 novembre e valido fino al 3 dicembre. L’Italia è stata divisa in 3 zone, sulla base di 21 parametri (sintomatici, ricoveri, ricoveri nelle Rsa, occupazione dei posti letto sulla base delle effettive possibilità, ...) che contemplano 3 scenari diversi: Misure per tutti (zona Gialla); Elevata gravità (zona Arancione); Massima gravità (zona Rossa).

 

Misure per tutti (zona Gialla)

Limiti circolazione persone nella  fascia serale

• Dalle ore 22 alle ore 5 sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da  comprovate esigenze lavorative o per motivi di salute.

• Fortemente raccomandato, per tutto l’arco della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio o per motivi di salute.

- Chiusura piazze o strade al pubblico

• Delle strade o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, può essere disposta per tutta la giornata o in determinate fasce orarie la chiusura al pubblico fatta salva la possibilità di accesso, e deflusso, agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private.

- Bar e ristoranti

• Le attività dei servizi di ristorazione, bar, pub, gelaterie, pasticcerie, sono consentite dalle ore 5 fino alle 18.

• Massimo di 4 persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi.

• Dopo le ore 18 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico; resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti che vi alloggiano.

• Consentita la ristorazione con consegna a domicilio e, fino alle ore 22, la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

- Didattica a distanza

• Per le scuole secondarie di secondo grado didattica a distanza al 100%.

• Per le scuole elementari e medie e per i servizi all’infanzia attività in presenza, con uso obbligatorio di dispostivi di protezione delle vie respiratorie salvo che per i bambini di età inferiore ai sei anni e per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.

- Pubblica amministrazione massimo smart working

• Le Pubbliche amministrazioni assicurano le percentuali più elevate possibili di lavoro agile.

• Ciascun dirigente organizzi il proprio ufficio assicurando, su base giornaliera, settimanale o plurisettimanale, lo svolgimento del lavoro agile.

- Trasporto pubblico locale

• Coefficiente di riempimento massimo del 50% sui mezzi pubblici di trasporto.

- Chiusura centri commerciali sabato e domenica

Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione delle attività essenziali presenti all’interno.

- Chiusura musei

• Sono sospese le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura.

- Chiusura corner scommesse video giochi

• Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò.

- Chiese

• L’accesso ai luoghi di culto avviene con misure organizzative tali da evitare assembramenti, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi. Le funzioni religiose con la partecipazione di persone si svolgono nel rispetto dei protocolli.

- Disabilità

• Le attività sociali e socio-sanitarie erogate dietro autorizzazione o in convenzione, comprese quelle erogate all’interno o da parte di centri semiresidenziali per persone con disabilità, qualunque sia la loro denominazione, vengono svolte secondo i piani territoriali, adottati dalle Regioni.

 

Misure per scenario di elevata gravità (zona Arancione)

- Limite agli spostamenti

• E’ vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori con un livello di rischio alto, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o per motivi di salute.

• Sono comunque consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita. E’ consentito il rientro al proprio domicilio, abitazione o residenza.

- Limiti spostamenti dal Comune di residenza

• E’ vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un Comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale Comune.

- Bar e ristorazione

• Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione, bar, pub, gelaterie, pasticcerie, ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale a condizione che vengano rispettati i protocolli o le linee guida.

• Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio e, fino alle ore 22, la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

• Restano aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti.

 

Misure per scenario di massima gravità (zona Rossa)

- Limite agli spostamenti

• E’ vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori con un livello di rischio alto, e all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o per motivi di salute.

• Sono comunque consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti n cui la stessa è consentita. E’ consentito il rientro al proprio domicilio, abitazione o residenza.

- Sospensione attività commerciali al dettaglio e mercati

• Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità.

• Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie.

- Bar e ristoranti

• Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione, bar, pub, gelaterie, pasticcerie, ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale a condizione che vengano rispettati i protocolli o le linee guida.

• Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio e, fino alle ore 22, la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

• Restano aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti.

- Sport

• Vietate le attività sportive, anche svolte nei centri sportivi all’aperto.

• E’ consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione; è consentita attività sportiva esclusivamente all’aperto e in forma individuale.

-  Scuola

• Le lezioni scolastiche si svolgeranno in presenza solo per i nidi, le elementari e le classi di prima media.

Nuovo Dpcm, un Paese in "fasce"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento