Mondo
stampa

Almeno cento morti davanti alle coste libiche dopo un naufragio

Non è ancora chiaro quante siano le persone morte nel naufragio di un barcone che trasportava migranti al largo delle coste libiche nei pressi di Al Khoms, a oltre 100 chilometri a est di Tripoli.

Parole chiave: migranti (161), profughi (222), mediterraneo (17), libia (24), naufragio (4)
Almeno cento morti davanti alle coste libiche dopo un naufragio

Non è ancora chiaro quante siano le persone morte nel naufragio di un barcone che trasportava migranti al largo delle coste libiche nei pressi di Al Khoms, a oltre 100 chilometri a est di Tripoli. Secondo l’Unhcr Libya, “i rapporti iniziali indicano che oltre 100 persone potrebbero aver perso la vita mentre altre 140 sono state salvate e sbarcate, ricevendo assistenza medica e umanitaria dal partner Imc dell’Unhcr”. Stando alle testimonianze dei sopravvissuti, a bordo del barcone si trovavano circa 300 migranti, il che fa pensare che possano essere anche 150 le persone morte.

“È appena avvenuta la peggiore tragedia mediterranea di quest’anno. Ripristinare il salvataggio in mare, porre fine alla detenzione di rifugiati e migranti in Libia, aumentare i percorsi sicuri fuori dalla Libia deve avvenire ora, prima che sia troppo tardi per molte delle persone più disperate”. Così Filippo Grandi, alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), commenta il naufragio di un barcone che trasportava migranti al largo delle coste libiche nei pressi di Al Khoms, a oltre 100 chilometri a est di Tripoli. Non è ancora chiaro quante siano le vittime, ma secondo le stime fatte a partire dalla testimonianza dei sopravvissuti potrebbero essere circa 150.

Fonte: Sir
Almeno cento morti davanti alle coste libiche dopo un naufragio
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento