Mondo
stampa

Argentina: approvata la legalizzazione dell'aborto. Vescovi: "Classe dirigente lontana dal sentire del popolo"

“Questa legge che è stata votata – si legge nella nota – porterà ancora più divisione nel nostro Paese. Condanniamo profondamente la lontananza, da parte della classe dirigente, del sentire del popolo, che si è espresso in molti modi a favore della vita in tutte le zone della nostra patria”, si legge in una nota della Conferenza episcopale.

Parole chiave: conferenza episcopale argentina (1), aborto (11), argentina (9)
Argentina: approvata la legalizzazione dell'aborto. Vescovi: "Classe dirigente lontana dal sentire del popolo"

Il Senato dell’Argentina ha approvato in modo definitivo la legge che legalizza l’aborto fino alla quattordicesima settimana di gestazione, senza condizionarlo ad alcuna motivazione. Una scelta dirompente e a suo modo “storica”, sia per l’Argentina che per l’intero continente, contro la quale numerose organizzazioni di cittadini (il cosiddetto “fronte celeste”), la Chiesa cattolica e altre Chiese cristiane e confessioni religiose hanno combattuto una decisa battaglia. L’esito del voto, con uno scarto maggiore rispetto alle previsioni e opposto rispetto all’analoga votazione del 2018, ha visto 38 favorevoli, 29 contrari, un’astensione, con 4 senatori assenti. Contrariamente a quanto accaduto due anni fa, quando il Governo dell’allora presidente Macri si era mantenuto neutrale, l’iniziativa della proposta legislativa è stata dell’Esecutivo presieduto da Alberto Fernández e il disegno di legge era già stato approvato dalla Camera lo scorso 11 dicembre.
Il voto è stato trasversale, poiché dei 38 voti favorevoli, 26 sono arrivati dalla maggioranza peronista di sinistra, e altri 12 dalle opposizioni. La stessa società argentina si è profondamente divisa tra “fronte verde” e “fronte celeste”. Sono circolati nelle ultime settimane diversi sondaggi, anche con risultati contrastanti. Uno die più recenti, dell’istituto Opinaia, riferiva di un 49% di argentini contrari alla legalizzazione, contro un 35% di favorevoli e un 16% di indecisi. Altre rilevazioni, al contrario, hanno parlato di un certo numero di cattolici praticanti (oltre il 20%) a favore dell’aborto.
L’Argentina è il primo grande Paese latinoamericano (finora c’erano solo i casi di Uruguay, Cuba e Guyana) in cui l’interruzione volontaria di gravidanza viene consentita senza condizioni nelle prime settimane di gestazione. La Conferenza episcopale argentina aveva promosso dal 26 al 28 dicembre un triduo di preghiera e digiuno per la vita e anche ieri, attraverso la voce di vari vescovi, aveva chiesto di “salvare le due vite”, promuovendo sia la vita del nascituro che quella della madre.

“La Chiesa argentina vuole confermare che, insieme a fratelli e sorelle di diverse fedi e anche a molti non credenti, continuerà a operare con fermezza e passione nella custodia e nel servizio per la vita”. Lo si legge in una nota diffusa dalla Conferenza episcopale argentina, firmata da padre Máximo Jurcinovic, direttore dell’Ufficio comunicazioni e stampa, a poche ore dalla votazione del Senato.
“Questa legge che è stata votata – si legge nella nota – porterà ancora più divisione nel nostro Paese. Condanniamo profondamente la lontananza, da parte della classe dirigente, del sentire del popolo, che si è espresso in molti modi a favore della vita in tutte le zone della nostra patria”.
Prosegue padre Jurcinovic: “Abbiamo la certezza che il nostro popolo continuerà a scegliere sempre la vita nella sua totalità e ogni vita. E assieme a esso continueremo a lavorare per le autentiche priorità che richiedono urgente attenzione nel nostro Paese: i minori che vivono in situazione di povertà in numero sempre più allarmante, l’abbandono scolastico da parte di molti di loro, l’opprimente pandemia della fame e della disoccupazione che colpisce numerose famiglie, così come la drammatica situazione dei pensionati, che si vedono privati ancora una volta dei loro diritti”.
Conclude la nota della Cea: “Abbracciamo ciascun argentino e argentina, e anche i deputati e i senatori che in modo coraggioso si sono manifestati a favore della cura di tutta la vita. Difenderla sempre, senza incertezze, ci renderà capaci di costruire una Nazione giusta e solidale, nella quale nessuno sia scartato e nella quale sia possibile vivere un’autentica cultura dell’incontro”.

Fonte: Sir
Argentina: approvata la legalizzazione dell'aborto. Vescovi: "Classe dirigente lontana dal sentire del popolo"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento