Mondo
stampa

Elezioni Usa, "parla" la maggioranza silenziosa

Nelle elezioni di mitderm in Usa hanno vinto le donne, gli afro-americani, i giovani, i latinos. Hanno votato ben 36 milioni di persone, mente nelle scorse presidenziali avevano votato appena 27 milioni.

Parole chiave: middle term (1), elezioni di medio termine (1), usa (30), stati uniti (21), trump (15)
Elezioni Usa, "parla" la maggioranza silenziosa

I democratici conquistano la Camera dei Rappresentanti e i repubblicani mantengono saldamente il Senato. Sono questi i risultati delle elezioni di Midterm che hanno visto di fatto un ridimensionamento del presidente Donald Trump, che aveva definito queste consultazioni un referendum sulla sua persona. Hanno vinto le donne, gli afro-americani, i giovani, i latinos. A vincere insomma è stato il partito della maggioranza silenziosa, quello che in questi mesi è sceso in strada, è tornato a bussare alle porte di vicini e di amici e ha convinto a votare ben 36 milioni di persone nel giorno precedente l’election day. Cifre mai viste in un’elezione di Midterm. Nelle scorse presidenziali avevano votato appena 27 milioni.
“Ai seggi c’era una coda e un’affluenza mai viste”, commentano alcuni votanti all’uscita di un seggio nel Bronx. Anche a Manhattan la gente è stata in coda per oltre due ore senza arrendersi. L’urgenza di una svolta era sentita a tutti i livelli e le urne sembrano confermarlo. L’esito di queste votazioni, comunque, non si valuterà solo in termini di vittoria o sconfitta ma anche di stabilità governativa. Trump rischia infatti la stessa empasse del suo predecessore e alle prossime elezioni mancano ancora due anni, indispensabili alla presidenza per continuare a realizzare i suoi programmi.
Un’ondata rosa nella nuova Camera
La novità della nuova Camera è rappresentata dalle donne. Arrivano al Congresso le prime due musulmane nella storia del Paese: una somala e l’altra palestinese, elette nel Midwest, nella cosidetta Trump’s land. Eppure in un territorio fortemente repubblicano queste due donne l’hanno spuntata, sposando le posizioni di Bernie Sanders, il senatore democratico avversario della Clinton nelle scorse primarie e rieletto per un nuovo mandato. Alla Camera arriverà anche la più giovane deputata, Alexandria Ocasio Cortes, 29 anni, eletta a New York. Vince in Massachussets la prima donna afro-americana e dovrebbe essere afroamericana anche il primo governatore della Giorgia, dove problemi sui meccanismi elettronici ai seggi stanno rallentando i risultati. Governatore del New Messico sarà una donna di origini latino-americane e sempre dal New Messico arriva la prima donna indigena rappresentante alla Camera.
Secondo i dati attuali, per la prima volta nella storia democratica degli Usa più di 100 donne siederanno al Congresso. Le elezioni hanno anche spazzato via tutte le stelle emergenti tra i democratici, mentre i repubblicani hanno vinto la corsa dei governatori, conquistando la Florida e l’Ohio che tutti pensavano orientati verso i blue democratici.
Il tweet di Trump
Saranno forse queste le ragioni che hanno spinto il presidente Trump a twittare: “Stupendo successo stasera, grazie a tutti!”, anche se la corsa presidenziale del 2020 comincia da un inciampo, non di poco conto, che costringerà il presidente meno presidenziale degli Usa a ripensare la sua strategia, ripuntando nuovamente al Midwest e a quella classe di lavoratori che ha abbandonato i democratici per il suo partito, un partito impreparato ad accogliere la classe media ma che dovrà comunque ripensarsi con una nuova base ed è a questo che vogliono lavorare i giovani leader repubblicani che vogliono salvare il partito dal trumpismo imperante, che potrebbe distruggerne anima e storia. William Calvo, professore associato di cultura americana e studi etnici all’Università del Michigan, aveva pronosticato prima dei risultati: “La base di Trump sembra inscalfibile e sempre più compatta nel sostenerlo. Per capire questi elettori dobbiamo parlare dell’American dream, il sogno americano, qualsiasi cosa esso significhi per ciascun americano. Trump è l’effetto visibile di un cambiamento cominciato negli anni Settanta e Ottanta con il neoliberismo, il neocapitalismo, il millenial capitalismo che hanno promosso la decentralizzazione dei servizi, la privatizzazione di tanti di quei compiti che prima credevamo responsabilità di uno Stato: istruzione, assistenza sanitaria, equità dei salari, protezione del lavoro. In quel tempo una persona che doveva andare all’università per esempio non pagava tasse, ma diminuendo il contributo dello Stato anche le università pubbliche sono diventate sempre più simili alle private con tasse altissime e quindi le persone hanno rinunciato a studiare. Lo stesso per la sanità: le persone non possono permettersi di essere ammalate perché i costi del sistema sono insostenibili. Questo è il fallimento di un sistema che sta collassando insieme alle sue promesse. E di questo gli elettori di Trump sono le prime vittime”.

Fonte: Sir
Elezioni Usa, "parla" la maggioranza silenziosa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento