Mondo
stampa

Esodo senza fine, un quarto della popolazione ucraina ha lasciato la sua casa

In un mese più di 10 milioni di persone sono state costrette a fuggire per salvarsi, lasciando le loro case e le loro proprietà. Oltre 6,5 milioni di persone sono sfollate all’interno dell’Ucraina e 3,7 milioni sono stati costretti ad abbandonare il paese. La maggior parte si sono rifugiati in Polonia; in Italia ne sono arrivati circa 70mila.

Parole chiave: ucraina (175), guerra (263), guerra in ucraina (47), unhcr (4), profughi (254), rifugiati (150)
Esodo senza fine, un quarto della popolazione ucraina ha lasciato la sua casa

Nel corso dell’ultimo mese per l’Ucraina è cambiato tutto. Dal giorno alla notte, molte vite sono state distrutte, migliaia i feriti, una famiglia su 5 è stata separata. In un mese più di 10 milioni di persone sono state costrette a fuggire per salvarsi, lasciando le loro case e le loro proprietà. Oltre 6,5 milioni di persone sono sfollate all’interno dell’Ucraina e 3,7 milioni sono stati costretti ad abbandonare il paese. La maggior parte si sono rifugiati in Polonia; in Italia ne sono arrivati circa 70mila.

Questi numeri dell’Alto commissariato per i rifugiati aumentano ogni giorno. Si stima che circa 13 milioni di persone siano bloccate nelle aree colpite, o siano impossibilitate ad andarsene a causa del rischio elevato per la loro sicurezza, della distruzione di ponti e strade e della mancanza di risorse o informazioni su dove trovare un alloggio e condizioni di sicurezza.

I corridoi umanitari negli ultimi giorni vanno a rilento e di conseguenza il numero di persone che attraversano il confine con la Polonia ha iniziato a diminuire. Le esigenze delle famiglie che attraversano, o hanno già attraversato, il confine sono in aumento e molte di loro non hanno idea di dove andare dopo non avendo parenti o amici su cui poggiarsi. 

Moldavia e Georgia hanno il fiato sospeso, per la vicinanza geografica ma anche perché paesi tradizionalmente divisi tra filo-russi e filo-occidentali. Militarmente neutrali tra Mosca e Kiev, divisi fra inequivocabili aspirazioni europee e forti legami economici con la Federazione Russa, questi paesi devono fare i conti con un’inflazione galoppante, stagnazione, disoccupazione e interruzioni nelle catene di approvvigionamento. La guerra nella vicina Ucraina ha ulteriormente indebolito delle economie già provate dalla pandemia e dalla crisi energetica, che risentono del blocco delle rimesse di quanti lavorano in Russia a seguito delle sanzioni imposte a Mosca da parte dell’Occidente per l’invasione in Ucraina.

Sperando che si possa trovare a stretto giro una soluzione politica al conflitto, nel caso di sua espansione territoriale questi due paesi potrebbero essere i territori da cui partono nuovi flussi migratori.

Tutti i diritti riservati
Esodo senza fine, un quarto della popolazione ucraina ha lasciato la sua casa
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento