Castellana
stampa

Castelfranco, Avis in assemblea: allarme sui centri trasfusionali

Senza i donatori, non c’è sangue! E senza sangue, la sanità si ferma! Al Centro trasfusionale dell’ospedale di Castelfranco, come a quello di Montebelluna, va dato tutto l’appoggio possibile perché la raccolta di sangue e plasma non rallenti, ma anzi aumenti. Lo hanno detto forte e chiaro, riuniti in teatro Accademico per la “65ª Giornata del donatore”, vertici dell’associazione e medici.

Parole chiave: centro trasfusionale (1), avis (56), castelfrnco (2), donazione (18), dono (15), volontariato (113)
Castelfranco, Avis in assemblea: allarme sui centri trasfusionali

Senza i donatori, non c’è sangue! E senza sangue, la sanità si ferma! Al Centro trasfusionale dell’ospedale di Castelfranco, come a quello di Montebelluna, va dato tutto l’appoggio possibile perché la raccolta di sangue e plasma non rallenti, ma anzi aumenti, nonostante il periodo difficile. Lo hanno detto forte e chiaro, riuniti in teatro Accademico per la “65ª Giornata del donatore di sangue dell’Avis di Castelfranco”, vertici dell’associazione e medici, alla cerimonia di domenica 29 settembre. “Dal primo ottobre cessa la collaborazione ultradecennale tra il Centro trasfusionale di Castelfranco dell’Ulss 2 e il reparto di ematologia (che è passato allo Iov diventando oncoematologia) - ha spiegato Cristina Tassinari, responsabile dei due Ct -. Ciò significa che i medici del reparto non aiuteranno più quelli del trasfusionale e viceversa, specie nel fine settimana”. Con lo spostamento di un medico all’Azienda zero (il dott. Giovanni Roveroni, nuovo direttore scientifico del Crat) e un altro in malattia, i medici dedicati ai due Centri sono infatti rimasti solo due. Con viva preoccupazione dei dirigenti dell’associazione Avis: “Temiamo che, per ottimizzare le risorse, l’Ulss 2 decida di limitare l’attività di uno dei due Ct o di entrambi – ha tuonato il presidente di Avis Castelfranco, Osvaldo Rossi – cosa che non permetteremo, visto il crescere delle necessità di sangue e le continue richieste e sollecitazioni sia a livello provinciale che locale, specie ora che proprio qui c’è lo Iov”. Anche perché l’Avis di Castelfranco, in controtendenza rispetto alla maggior parte della provincia, registra una buona raccolta di sangue (1806 donazioni quest’anno), 1.753 donatori e un aumento di nuovi iscritti, che da inizio anno sono già 103. I nuovi donatori sono per lo più giovani, grazie alla sensibilizzazione dell’Avis nelle scuole superiori, quasi la metà donne e 13 sono di origine straniera (di pochi giorni fa la donazione di un cittadino cinese, il secondo in città). Un patrimonio-salvavita che va assolutamente tutelato, quello di Castelfranco, come quello delle altre dieci Avis della zona, per un totale di cinquemila donatori, che fanno riferimento al Ct castellano e che sono coordinati dai volontari Avis dell’Ufficio di chiamata. “Un modello di efficienza”, ha continuato la Tassinari, annunciando che per «tamponare» nell’immediato la carenza di medici verranno in aiuto per il mese di ottobre un medico da Treviso e uno da Conegliano, sperando in medici a contratto fino a fine anno e stabili da gennaio 2020. “Ci stiamo aiutando tra di noi, ma in tutta la provincia siamo solo in 10”, conclude. “Stiamo facendo tutto il possibile, direttore generale Benazzi in testa, per trovare una soluzione - ha detto Maurizio Sforzi in rappresentanza dell’Ulss 2 -. Mancano medici perché ci sono tanti laureati e poche borse di studio per la loro specializzazione. Il periodo è difficile per ogni settore della sanità, ma certo il settore trasfusionale merita un’attenzione in più”.

Nel corso della cerimonia in Accademico sono stati premiati 205 donatori che hanno raggiunto determinati traguardi: 125 uomini e 80 donne. La festa si era aperta con la sfilata per le vie del centro e la messa in Duomo.

Tutti i diritti riservati
Castelfranco, Avis in assemblea: allarme sui centri trasfusionali
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento