Castellana
stampa

Castelfranco: anche Giorgione è con l'Ucraina

Larisa Nenchuck è un artista ucraina, originaria di Leopoli, che vive in Italia da vent’anni. Allieva del maestro Angelo Gatto ha realizzato un acquerello che riassume due simboli iconici della Città. Giorgione, appunto, e la Torre Civica. L’opera, tirata in 150 copie, verrà messa in vendita a 50 euro. Il ricavato interamente dedicato alla Caritas cittadina.

Parole chiave: acquerello (1), castelfranco (384), ucraina (182), solidarietà (188), arte (95)
Castelfranco: anche Giorgione è con l'Ucraina

Il dramma della popolazione ucraina è sotto gli occhi di tutti da oramai un mese. Ci sono molte possibilità di venire loro in aiuto. Senz’altro inviando loro generi di conforto, ma sempre più sarà necessario organizzare loro un’accoglienza qui da noi, come suggerito da don Davide Schiavon, responsabile Caritas Tarvisina. In questa logica, a Castelfranco Veneto, si sono mosse con generosa disponibilità diverse associazioni. Tra queste il Comitato Borsa di Studio per la cura dei tumori. “Siamo presenti da oltre quarant’anni raccogliendo fondi da destinare a Borse di Studio per il personale impegnato sul fronte quotidiano della terapia e riabilitazione oncologica, ma il caso ucraino ci ha mobilitato a raccogliere risorse da destinare alla loro causa”, come ricorda Giancarlo Saran, presidente del Comitato. E’ nata così l’iniziativa “Forza Ucraina. Giorgione è con te”. Un bel gioco di squadra per una causa buona e giusta. Larisa Nenchuck è un artista ucraina, originaria di Leopoli, che vive in Italia da vent’anni. Allieva del maestro Angelo Gatto ha realizzato un acquerello che riassume due simboli iconici della Città. Giorgione, appunto, e la Torre Civica. L’opera, tirata in 150 copie, verrà messa in vendita a 50€. Il ricavato interamente dedicato alla Caritas cittadina per favorire il progetto di accoglienza di una o più famiglie per i prossimi mesi, il tutto in coordinamento con la Collaborazione Pastorale delle chiese cittadine. Ma non finisce qui. “L’accoglienza ha diverse modalità di esprimersi e, dopo aver favorito un tetto accogliente, una buona tavola è conseguente”, continua Saran. Il gioco di squadra si completa. Mamma Emma, azienda leader nella produzione degli gnocchi, ha messo ha disposizione una confezione del suo prodotto per ogni acquerello acquistato. Spetterà a ognuno di quelli che porteranno a casa l’opera di Larisa indicare quali, tra i prodotti esposti, Mamma Emma invierà poi alla Caritas, la buona cucina italiana, quindi, si accompagna ad una tradizione di cucina ucraina con forti radici di contaminazioni reciproche. A ognuno dei generosi aderenti verrà regalato un ricettario che spiegherà come valorizzare una linea di produzione attenta alla qualità e alla tradizione.

Fonte: Comunicato stampa
Castelfranco: anche Giorgione è con l'Ucraina
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento