Castellana
stampa

Castelfranco: anche se a distanza, festa incredibile e vera per i giovani di Ac

“Sono rimasto colpito dalla creatività e dalla bravura dei nostri animatori a gestire i mezzi informatici, e dei giovani a collegarsi e divertirsi anche con questa modalità di ritrovo”, racconta don Alberto Piasentin vicario parrocchiale del Duomo di Castelfranco e responsabile della pastorale giovanile cittadina. Di fatto hanno creato delle stanze virtuali, in ciascuna delle quali si poteva partecipare ad attività diverse".

Parole chiave: webinar (4), ac (422), castelfranco (309), azione cattolica (73), giovani (299), convegno (36)
Castelfranco: anche se a distanza, festa incredibile e vera per i giovani di Ac

Incredibile festa per la fine delle attività prima dell’estate. E’ stata organizzata dagli educatori dei gruppi di Acr, giovanissimi e giovani la scorsa settimana e hanno partecipato circa un centinaio di ragazzi. Fin qui, tutto abbastanza normale, se non fosse che in tempo di coronavirus sono proibite le aggregazioni. “Sono rimasto colpito dalla creatività e dalla bravura dei nostri animatori a gestire i mezzi informatici, e dei giovani a collegarsi e divertirsi anche con questa modalità di ritrovo”, racconta don Alberto Piasentin vicario parrocchiale del Duomo di Castelfranco e responsabile della pastorale giovanile cittadina. Di fatto hanno creato delle stanze virtuali, in ciascuna delle quali si poteva partecipare ad attività diverse: in una ci si sfidava a pictionary, un’altra era pensata per il gioco dei mimi, in una si ballava... e un apposito programma ha gestito la classifica che ha decretato i vincitori. “Gli educatori che hanno organizzato e gestito la serata ci hanno davvero dimostrato che la tecnologia non solo può cose incredibili alla portata di tutti, ma in alcune situazioni è davvero utile e divertente”, raccontano Marco e Raffaella Cadò, che accompagnano con don Alberto i percorsi del gruppo animatori e dei gruppi giovanili.

“Le nostre attività in questo tempo sono proseguite a distanza - spiega ancora don Alberto -; certo abbiamo dovuto ripensare le proposte, ma credo davvero che nei nostri gruppi si sia sperimentata la vicinanza e la relazione della comunità cristiana che si prende cura dei giovani”. Anche la proposta più specificatamente formativa con lo psicologo Stefano Zanon per gli educatori è stata molto apprezzata e partecipata. “Ci siamo chiesti come questo potesse diventare un tempo favorevole per i giovani e le sollecitazioni sono state davvero interessanti”. Certo, il virtuale non può in alcun modo sostituire il reale. Ma in alcuni casi, per esempio per le riunioni organizzative, ha dimostrato che a volte le cose si possono anche fare meglio in minor tempo! “Ora la questione urgente su cui in diverse realtà del territorio stiamo ragionando è la gestione dell’estate. “Troveremo modi nuovi per abitare questo tempo e diventare un po’ più evangelici”, conclude don Alberto.

Tutti i diritti riservati
Castelfranco: anche se a distanza, festa incredibile e vera per i giovani di Ac
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento