Castellana
stampa

Castelfranco: storico accordo tra Comune e Parrocchia sull'area del Duomo

“Siamo soddisfatti di aver trovato un accordo con l’attuale Amministrazione comunale che su questi temi ha dimostrato la sua disponibilità per risolvere un contenzioso che durava da centinaia di anni con disagi per Comune e parrocchia" - dice il parroco, mons. Dionisio Salvadori.

Parole chiave: castelfranco (281), duomo (28), parrocchia (26), comune (50)
Castelfranco: storico accordo tra Comune e Parrocchia sull'area del Duomo

Accordo siglato tra Comune di Castelfranco Veneto e parrocchia del Duomo su torre campanaria, casa della dottrina e percorso delle absidi, dopo secoli di interpretazioni e qualche diatriba. “E’ la soluzione più ragionevole e rispettosa, come dimostrano gli studi fatti sui documenti storici e catastali”, commenta il parroco, mons. Dionisio Salvadori, soddisfatto per il risultato raggiunto.
L’accordo riconosce di fatto le proprietà e gli oneri per ciascuna delle parti: la torre campanaria spetta al Comune, cui competerà la manutenzione ordinaria e straordinaria delle mura esterne, mentre delle mura interne e di tutte le altre manutenzioni dovrà farsi carico la parrocchia, che utilizza in via esclusiva la cella campanaria. Viceversa, per la casa della dottrina il Duomo diventa intestatario del bene. Sul parco giochi dell’ex asilo, di proprietà del Comune, mons. Salvadori precisa: “Dobbiamo procedere allo smantellamento dei giochi per bambini perché sono tutti fuori norma. L’eventuale utilizzo di quell’area, essendo pubblica, sarà a discrezione dell’Amministrazione”.
Infine, il percorso pedonale tra le absidi: la competenza è del Comune, dal momento che fa parte integrante del demanio stradale della piazza San Liberale.
“Siamo soddisfatti di aver trovato un accordo con l’attuale Amministrazione comunale che su questi temi ha dimostrato la sua disponibilità per risolvere un contenzioso che durava da centinaia di anni con disagi per Comune e parrocchia - prosegue don Dionisio -. Il mio grazie va dunque al mio predecessore che ha avviato la pratica, al sindaco e al notaio Sicari che ha curato lo studio, la verifica e la stesura finale dell’atto in accordo con l’amministrazione e con il consiglio per gli affari economici della parrocchia”.
Con l’occasione si è trovata la quadra anche per l’ex chiesetta delle Clarisse in via Cazzaro, attualmente di proprietà pubblica e di cui il Duomo ha la servitù. “La Diocesi ha decretato il suo uso profano purché non indecoroso - spiega il parroco - e il Comune ha assicurato in comodato d’uso alla parrocchia una sala in un condominio in Borgo Padova per le attività pastorali e comunitarie”.
Infine, un accenno ai lavori in corso per il rifacimento del tetto del Duomo che, partiti a maggio, dovrebbero concludersi entro il prossimo mese di ottobre: sono previsti il ripristino e il fissaggio delle tegole e dei parafulmini, la pulizia, il controllo e il rinforzo delle travature, il restauro delle cinque statue sul frontespizio. “Abbiamo intenzione di presentare alla cittadinanza i lavori del Duomo e i risultati raggiunti durante una serata all’inizio di settembre in cui mostreremo anche un video realizzato con dei droni” conclude don Dionisio. Il costo complessivo, salvo ulteriori sorprese (che gia non sono mancate) è di 300 mila euro, in parte coperti da alcuni proventi della parrocchia e in parte dalle offerte dei fedeli.
Francesca Gagno

Castelfranco: storico accordo tra Comune e Parrocchia sull'area del Duomo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento