Castellana
stampa

Marca Occidentale, sì allo statuto. Procede spedita l'Unione di cinque comuni della Castellana

Il percorso coinvolge Vedelago, Godego, Loria, Resana e Riese. Entro primavera l'Unione di questi cinque comuni dovrebbe diventare una realtà operativa. Assieme raggiungerà 53.500 abitanti occupando un territorio pari a 139 kmq.

Parole chiave: marca occidentale (8), vedelago (53), riese (59), loria (23), godego (13), resana (30), andretta (3), unione comuni (8), comuni (162), enti locali (74), sindaci (95)
Marca Occidentale, sì allo statuto. Procede spedita l'Unione di cinque comuni della Castellana

Va avanti a passo spedito il percorso verso la nascita dell’Unione dei comuni castellani, sancita tra Vedelago, Godego, Loria, Resana e Riese. Si chiamerà Marca Occidentale ed entro primavera dovrebbe diventare una realtà operativa. Assieme raggiungerà 53.500 abitanti occupando un territorio pari a 139 kmq. Lunedì scorso i consigli comunali riuniti si sono confrontati sul progetto, sulla sua “economicità” e sulla sostenibilità nel tempo, ed hanno cominciato ad esaminare statuto e regolamento. “Per ora indubbiamente si tratta di un importante investimento di tempo e di risorse – commenta Cristina Andretta, sindaco di Vedelago e capofila, energico e propulsivo, dell’Unione -; noi sindaci riteniamo sia una scelta lungimirante i cui risultati si vedranno, soprattutto, sul lungo periodo”.
I tempi ora sono abbastanza stretti: entro fine gennaio ogni consiglio comunale dovrà approvare lo Statuto e dopo la pubblicazione nell’albo pretorio, gli amministratori dei cinque comuni coinvolti si riuniranno dal notaio per la costituzione vera e propria. Nel frattempo giovedì incontrano tutti i dipendenti per discutere il progetto, già condiviso con le organizzazioni sindacali, e sciogliere laddove possibile le resistenze.
“Per i cittadini, di fatto, in termini di servizi non cambierà nulla – assicura ancora Cristina Andretta -; i cinque municipi continueranno ad essere aperti così come tutti gli uffici comunali. Ciò su cui si interverrà è innanzitutto il coordinamento e l’unificazione delle procedure”, per esempio nell’ambito dei servizi sociali, il primo “settore” coinvolto nella riorganizzazione prevista con l’Unione. In altre parole la gestione operativa sarà omogenea per tutti. Analogamente anche la protezione civile verrà rivisitata.
Di fatto, le funzioni fondamentali che dovranno riuscire a condividere entro fine anno sono il catasto, le attività di protezione civile; la gestione dei servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti; il sistema locale dei servizi sociali e di quelli scolastici, come mensa e trasporti. “Ottimizzando l’organizzazione degli uffici potremo liberare delle risorse da impiegare dove necessario per carenze di personale, e soprattutto – ci tiene a precisare il sindaco di Vedelago – andare a costituire un ufficio progettazione creato per accedere a finanziamenti ministeriali e soprattutto comunitari”. Il primo progetto, che la prossima settimana verrà presentato al sottosegretario Barbara Degani, riguarda la congiunzione tra il sentiero degli Ezzelini e la Greenway del Sile: una pista che, se realizzata, permetterà un percorso naturalistico tra i più belli del Veneto.

Marca Occidentale, sì allo statuto. Procede spedita l'Unione di cinque comuni della Castellana
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento