Castellana
stampa

Salvatronda: un negozio sotto casa di spesa "inclusiva"

Nella frazione di Castelfranco Veneto ha aperto "Buoni vicini", un negozio di alimentari, per 50 anni gestito dalla famiglia Parisotto, che ora si è trasformato in un progetto sociale, che include anche persone con disabilità. 

Parole chiave: negozio di vicinato (1), spesa inclusiva (1), buoni vicini (1), inclusione (21), salvatronda (6)
Salvatronda, spesa "inclusiva"

Un posto speciale dove fare la spesa: il negozio del paese, che dopo quasi cinquant’anni di gestione della famiglia Parisotto, si rinnova e diventa anche un progetto sociale, per mano di alcuni imprenditori del paese stesso, cioè Salvatronda, frazione di Castelfranco Veneto.

Gli ingredienti sono semplici: uno storico negozio di vicinato a conduzione familiare, un insieme di collaboratori che supera le differenze, prodotti di qualità, servizi che rimettono al centro le persone e la volontà dei quattro soci, Stefania Baldin, Antonino Cammareri, Matteo Guidolin e Daniele Manente, di dimostrare che la disabilità può creare valore economico e che nello svolgimento delle attività di tutti i giorni si può favorire inclusione sociale.

“E’ un’idea che si concretizza con l’aiuto di molti - spiegano i quattro soci - e in particolare del Servizio inclusione lavorativa dell’Ulss 2 Marca trevigiana, grazie al quale vengono elaborati dei progetti personalizzati per accogliere e coinvolgere le persone con disabilità, che lavoreranno presso il punto vendita di Salvatronda: il progetto ha preso il via lo scorso 1° agosto”.

Abbinare l’inclusione sociale alla presenza fondamentale dei negozi di vicinato è la vera sfida, e come dice l’ideatore di Buoni vicini, Daniele Manente, “questo punta a diventare un progetto pilota, per andare ad aprire degli altri punti vendita con le stesse caratteristiche”.

Con la pandemia i clienti hanno riscoperto l’importanza del negozio sotto casa, non solo come luogo dove acquistare i prodotti che servono per la vita quotidiana, ma anche come luogo per coltivare relazioni, per costruire il tessuto sociale della comunità in cui vivono, dove poter chiedere aiuto in caso di difficoltà: rapporti e relazioni che vanno ben al di là del semplice rapporto commerciale che può dare la grande distribuzione, ma un luogo “dove poter trovare un sorriso, delle persone amiche e magari scambiare due parole”, afferma Stefania Baldin, coordinatrice della scuola dell’infanzia parrocchiale di Salvatronda e presidente dei Buoni vicini Srl - Società benefit, “poter fare veramente la spesa nel cuore del paese”, aggiunge il socio Matteo lanciando il motto di “Buoni Vicini”.

Il rinnovamento, passa anche dal nome: Buoni vicini. E’ stato scelto per il suo significato immediato, chiaro e comprensibile a tutti.

Anche visivamente, Buoni vicini si accompagnerà a un’identità grafica costruita coralmente: tutti sono invitati a partecipare. Ognuno potrà scrivere le due parole su una cartolina, consegnarla al personale del negozio e contribuire così alla costruzione del logo perché è proprio nella diversità che Buoni vicini trae il suo valore.

Tutti i diritti riservati
Salvatronda, spesa "inclusiva"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento