Castellana
stampa

Un libro sulla storia millenaria di Vallà

Sabato 27 aprile 2019, alle ore 18, presso l’Agriturismo “Ai Prai”, in via 27 Aprile, sarà presentato ai cittadini di Vallà e a tutti i riesini il libro promosso ed edito per iniziativa del Gruppo Giovani di Vallà e curato dallo storico Giacinto Cecchetto.

Parole chiave: giacinto cecchetto (1), vallà (4), riese (57), libro (17)
Un libro sulla storia millenaria di Vallà

Sabato 27 aprile 2019, alle ore 18, presso l’Agriturismo “Ai Prai”, in via 27 Aprile, sarà presentato ai cittadini di Vallà e a tutti i riesini il libro promosso ed edito per iniziativa del Gruppo Giovani di Vallà e curato dallo storico Giacinto Cecchetto, già direttore della Biblioteca Comunale e Archivio Storico di Castelfranco Veneto, e autore di numerose opere storiche su Castelfranco, sulla Castellana e sull’Asolano-Montebellunese.

“Vallà, comunità millenaria. Storia, memoria, identità” è il titolo del volume, sviluppato su 320 pagine e illustrato da oltre 230 immagini di foto storiche e attuali, di mappe, di carte geografiche e di innumerevoli documenti d’archivio.

Grazie alle lunghe e complesse indagini condotte per anni dall’autore sono divenuti praticabili l’accesso e la comprensione delle varie e complesse tematiche che stanno alla base di questo libro: dall’origine del nome Vallà e delle sue varianti, che identificano questo paese almeno dal secolo XI, certificandone l’esistenza almeno da un millennio, ai caratteri del paesaggio storico fatto di piantate e arativi, di strade e canali, di case da massaro casoni, di ville e semplici tezze, e, quasi ‘anomalia’ in una piatta pianura, i resti del trimillenario Castelliere. Ed ancora: dalla rigogliosa fioritura toponomastica emergente dai documenti fiscali di fine ‘400 e inizio ‘500, all’identità comunitaria riconosciuta nei confini certificati nel 1547; dai secolari rapporti tra la chiesa di S. Giovanni Battista e la pieve matrice di Riese, all’organizzazione di governo della villa (tale è la denominazione del villaggio nella terminologia archivistica fra ‘400 e ‘700) all’interno della podesteria di Castelfranco; dalla proprietà terriera tra fine ‘400 e inizio ‘700, al caotico e durissimo periodo delle dominazioni straniere (francesi e austriache) tra il 1797 e il 1866; dalle dolorose migrazioni di fine ‘800 e inizio ‘900, all’esperienza di paese in retrovia durante la Grande Guerra; dagli anni del Fascismo sino ai tragici eventi che hanno duramente segnato questa comunità negli ultimi giorni della guerra di Liberazione con l’uccisione di cinque giovani partigiani: Angelo Baggio, Gino Angelo Baggio, Fioravante Didonè, impiccati a Castelfranco il 27 aprile 1945, ed Angelo Reato e Livio Zamperin, uccisi in scontri a fuoco nello stesso giorno.

Come scrive l’autore nel prologo al volume “affondare idealmente le mani negli spessi strati della storia di Vallà e ricostruire, pure in sintesi, le interconnessioni che saldano in un tutt’uno quegli strati, può forse contribuire a sottrarre Vallà dall’oblìo identitario e dalla perdita di memoria condivisa che coglie ogni paese – sorte comune a moltissimi nel Veneto – che si ritrovi ‘in mezzo al guado’ di una trasformazione nella dimensione comunitaria che non è solo urbanistica ed economica, quindi materiale, ma soprattutto antropologica e relazionale. Da quegli strati risuonerà la voce di donne e uomini; si udranno gli echi del loro lavoro nei campi; si vedranno i segni della loro religiosità; si percepirà la durezza della fame e delle malattie con le quali hanno convissuto; si rivivranno i loro momenti di festa nella sagra del patrono. E poi: una folla di merighi e pievani, di padroni e fittavoli, di ladri e mammane, e, sullo sfondo, il ‘popolo’ delle aie e gli ‘abitanti’ delle stalle. Questi e numerosi altri ‘mondi segreti’- che ‘segreti’ poi non sono, solo perché si è smarrita la chiave della porta oltre la quale sono stati e stanno rinchiusi – nasconde la storia di Vallà; ‘mondi segreti’ che si cercherà di svelare, cosicché Vallà possa finalmente avere riconosciuta e riconoscibile una ‘sua’ storia, dalla quale attingere quella memoria, non fine a se stessa, che fa di una somma di individui una comunità vera.”

Questo è l’auspicio dell’autore e dei promotori di questa autentica impresa editoriale che ad essa hanno creduto e in essa hanno profuso tutte le energie necessarie alla sua migliore riuscita.

Tutti i diritti riservati
Un libro sulla storia millenaria di Vallà
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento