MedioPiave
stampa

Sette nati in due settimane, segno di speranza da Monastier

In un tempo di culle vuote e di inverno demografico, a Monastier di Treviso la situazione sembra essere decisamente più rosea che in altre zone della Marca trevigiana. “Ci auguriamo che le famiglie non si spaventino per l’esperienza incredibile dell’isolamento", dice la sindaca Paola Moro.

Parole chiave: monastier (133), nati (10), natalità (23), speranza (85)
Sette nati in due settimane, segno di speranza da Monastier

In un tempo di culle vuote e di inverno demografico, a Monastier di Treviso la situazione sembra essere decisamente più rosea che in altre zone della Marca trevigiana. Negli ultimi quindici giorni, infatti, in paese sono nati ben 7 bambini: 6 maschi e 1 femmina.

Entusiasta della notizia è la sindaca di Monastier, Paola Moro, che definisce l’arrivo di questi nuovi bebè come “un evento straordinario per la nostra piccola comunità, 4.400 abitanti.

Del resto, il nostro è un paese in cui si vive bene, la qualità della vita e dei servizi è buona e in cui negli ultimi anni si sono trasferite tante giovani famiglie, soprattutto in virtù dei tanti posti di lavoro che ci sono a Monastier e dintorni. Solitamente registriamo 40-42 nascite ogni anno, un numero di poco inferiore a quello dei deceduti; considerato che questo ultimo dato comprende spesso anche residenti nella locale casa di soggiorno Villa delle Magnolie, possiamo dire che in questi ultimi anni il paese è praticamente a crescita zero, ossia che le nascite pareggiano i decessi. In questi tempi di grande calo demografico, direi che è un trend molto positivo”.

Pensando ai 7 piccolini appena arrivati a rallegrare le loro rispettive famiglie, l’unica preoccupazione della sindaca Moro è legata alla contingenza del Coronavirus e alle misure di sicurezza imposte in questo periodo.

“Ci auguriamo che le famiglie non si spaventino per l’esperienza incredibile dell’isolamento - prosegue la sindaca -. Da parte nostra, come Amministrazione comunale di Monastier, dallo scorso anno in collaborazione con Il Melograno centro informazione maternità e nascita di Treviso abbiamo avviato il progetto «È nata una mamma», che consiste in due visite a domicilio da parte di una psicologa specializzata, per fornire sostegno e supporto alle neomamme nei primi 40 giorni di vita del bambino. È un’attività nella quale crediamo molto e che si affianca ad altre iniziative che abbiamo voluto per la prima infanzia, come il bonus Prime Spese per tutti i nuovi nati residenti in paese; è poi attivo al fianco della biblioteca comunale uno spazio per i bambini dagli zero ai sei anni, «La stanza di Anna», dove tutti i martedì mattina le neomamme si incontrano in un progetto gestito sempre dall’associazione Il Melograno di Treviso, «Io sono con te», oltre a vari laboratori pomeridiani per bimbi fino a 6 anni di età”.

In queste settimane La stanza di Anna è chiusa al pubblico, per ovvie restrizioni legate al Coronavirus, mentre le visite a domicilio della psicologa continuano, pur nel rispetto delle misure di sicurezza.

Tutti i diritti riservati
Sette nati in due settimane, segno di speranza da Monastier
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento