Miranese
stampa

Il corpo in gioco, a Mirano

Ci sarà anche un candidato al Premio Nobel per la pace tra gli ospiti della “Festa di sguardi 2015” che si tiene sabato 6 giugno alla cittadella scolastica di Mirano centrata, quest’anno, sul tema del corpo.

Parole chiave: festa degli sguardi 2015 (1), giovani (312), mirano (46), corpo (11)
Il corpo in gioco, a Mirano

Ci sarà anche un candidato al Premio Nobel per la pace tra gli ospiti della “Festa di sguardi 2015” che si tiene sabato 6 giugno alla cittadella scolastica di Mirano centrata, quest’anno, sul tema del corpo. Don Mussie Zerai, fondatore e presidente dell’agenzia Habeshia, sarà tra i giovani studenti degli istituti miranesi, per raccontare la propria esperienza al fianco di tanti richiedenti asilo e migranti in fuga da guerre, dittature, terrorismo, persecuzioni, fame e miseria. Mussie, che ha un passato da profugo, è stato proposto per il Nobel da Kristian Berg Harpiken, direttore dell’Istituto di ricerca internazionale di pace di Oslo, proprio per l’opera che svolge da anni, attraverso Habeshia, in difesa dei diritti e della vita stessa dei migranti.
Nella Cittadella scolastica di Mirano per il quinto anno consecutivo la Pastorale giovanile dei Vicariati di Mirano e Noale, l’Azione cattolica e l’Agesci della Zona di Scorzè, le associazioni di volontariato Cesvitem, Libera, Emergency ed altri, in collaborazione con gli Istituti Superiori, col patrocinio della Provincia e del Coordinamento delle Politiche giovanili dei Comuni del Miranese, presenta la manifestazione Festa di Sguardi 2015 sul tema “Verbum caro”, dalle parole del prologo del Vangelo di Giovanni (“Il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi”).
“Si tratta di un’opportunità di incontro e conoscenza tra mondo scolastico, associazionistico, ecclesiale e laico del territorio - spiega don Mario Da Ros, insegnante di religione e «anima» della manifestazione -, con conferenze e approfondimenti, che metteranno al centro il tema del corpo, inteso in senso sia personale sia comunitario. Numerosi gli argomenti affrontati: dalla drammatica attualità dei profughi di cui parlerà Mussie Zerai all’esperienza del tecnico Gianluca Salviato, sequestrato in Libia nel 2014, dalla missione del «Cuamm Medici con l’Africa» testimoniata dal dott. Giovanni Putoto alla passione sportiva di Nadia Dandolo, Raffaele Sartorato e dei giovani atleti studenti negli Istituti di Mirano, tra i quali il campione del mondo di pattinaggio Daniel Niero. La cornice è quella di una scuola aperta al territorio e lo spirito è quello di una Chiesa in uscita e di un tessuto di relazioni da coltivare e promuovere, nella gratuità e nella fiducia”. Attesa la coreografia dell’Asd Tempesta di Noale con sbandieratori e musici nella Piazzetta del Pensiero a metà mattina, oltre all’esibizione del giovanissimo Ensemble classico “Giovani Armonie” diretto dal m° Pietro Semenzato.
Un programma ricco e attento a promuovere iniziative realizzate nelle parrocchie, nelle scuole e nello sport dai giovani del Miranese come l’iniziativa “Energy for Africa”, volta a garantire una fornitura costante di energia elettrica ad un’Università della Guinea Conacry, o gli stand di associazioni e gruppi di studenti, che presentano viaggi, idee, sensibilità differenti inerenti il corpo visto da svariate prospettive, dalla nostra Carta Costituzionale alla Dottrina Sociale della Chiesa, dall’Islam alla vita di uomini e donne che hanno provato a cambiare la storia. Corpi perseguitati, annegati, esibiti, allenati, malati.... “La Parola cristiana onora il corpo di un compito speciale, quello di essere dimora di Dio (Verbum caro factum est), ma assegna pure a ciascuno - conclude don Mario - il compito di una prossimità che ci rende davvero umani: «One body, one soul - un corpo, un’anima», come sottolineano le parole di San Paolo ai Corinzi («Se uno soffre, tutti soffrono, se uno è onorato, tutti sono nella gioia»)”.

Il corpo in gioco, a Mirano
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento