Miranese
stampa

Nel Miranese aumenta il numero di chi sceglie i prodotti a chilometro 0

Durante la Festa dell'Agricoltura di Mirano, che è nata con l'obiettivo di far incontrare tra di loro i contadini con le loro tradizioni agricole e i loro prodotti della terra, e che anche quest'anno ha avuto molto successo, è stata effettuata una ricerca per scoprire se nel Miranese i consumatori siano più portati a scegliere prodotti a km 0 oppure no. Secondo i risultati ottenuti il loro numero è effettivamente in aumento.

Parole chiave: chilometro zero (1), aumentato (1), numero (2), prodotti (17), contadini (2), campagna (18), agricoltura (55), sicurezza (89), festa dell'agricoltura di mirano (1), edizione (2)
Nel Miranese aumenta il numero di chi sceglie i prodotti a chilometro 0

Si chiude questo fine settimana la  26ª edizione della Festa dell’Agricoltura di Mirano che ha registrato anche quest’anno un grande successo di pubblico. La Festa è nata con l’obiettivo di far incontrare i cittadini con le tradizioni agricole e la genuinità dei prodotti della terra. Per l’occasione abbiamo voluto scoprire se nel Miranese i consumatori sono propensi ad acquistare prodotti a Km0. Secondo le associazioni di categoria Coldiretti e Cia, sono effettivamente in aumento i consumatori che cercano un prodotto agricolo naturale, fresco, preferibilmente biologico. E i ricavi sono in crescita. Nella zona del miranese ci sono circa 250 associati a Coldiretti, di cui 70 nel comune di Santa Maria di Sala e 50 a Spinea. Un centinaio di agricoltori pratica la vendita diretta al pubblico dei propri prodotti. Circa una cinquantina mette in vendita prodotti integrati con altri prodotti agricoli. I mercati agricoli avvicinano molto i consumatori: nel miranese ce n’è uno a Spinea e uno Mirano. Anche la Cia è presente a Noale il martedì mattina in piazza Dal Maistro, a Mirano il venerdì mattina in piazza delle Erbe e a Spinea il martedì mattina in piazza Donatori di sangue. A Spinea si possono trovare aziende che vendono formaggi, carne avicola, salumi, frutta e verdura. A Mirano si trovano aziende agricole che coltivano fiori, producono frutta, verdura e vino. I primi mercati agricoli sono stati istituiti nel 2008.
“Nell’ultimo decennio la mentalità della gente è molto cambiata - spiegano alla Coldiretti - c’è una vera e propria ricerca del prodotto naturale. La nostra campagna per l’etichettatura obbligatoria ha influito, tanto che l’attenzione per la spesa e per quanto si porta in tavola è sicuramente aumentata. Il nostro obiettivo è la trasparenza sulla provenienza dei cibi”. “Agosto è un mese ricchissimo di prodotti – aggiungono alla Cia – sia per quanto riguarda la frutta che la verdura. I clienti possono parlare con i produttori, capire il lavoro che c’è dietro ogni cassetta di frutta o verdura. Cercano qualità e genuinità, e da noi sono sicuri di trovarle”.

Fonte: Comunicato stampa
Tutti i diritti riservati
Nel Miranese aumenta il numero di chi sceglie i prodotti a chilometro 0
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento